Più si apprezza la vita e più si restituisce

12 giu 2017

lo so.... ma voglio trasgredire (a parole)

Oggi in terrazza gli operai, nel pranzo un orlo a giorno per un copriletto di lino...in cucina mi sono regalata tantissimi gamberoni (boniiiiiiii)adesso mi ero alzata perchè sta arrivando un venticello che non mi piace e ho paura per i teli della pergola che questa notte hanno lottato ed in alcuni punti... hanno pure perso; poi ho dato una sbirciata al pc e trovo un delizioso commento che sposta il problema dal paradosso di una società in cui i giovani subiscono la contraddizione di essere "esteticamente" essenziali, senza essere educati a riconoscere la maturità, condizione necessaria per mettere a punto il  carattere..
E dove si sposta il problema ? sulle rughe...non mi riferivo a quelle, ma mi viene da pensare che anche su esse c'è contraddizione, valutazioni diverse e non certo unitarie.
Poi si sa, il pensiero è veloce, la parola lenta e la scrittura ancora più lenta, tanto è vero che spesso, scalpellando la durezza di queste, per ammorbidirle e renderne un concetto... esso si perde, o almeno non si riesce a formulare così come la mente lo ha colto velocemente....
Io insomma ho pensato che se  ho le rughe... poverina ho i segni degli anni... quasi mai dell'esperienza... se un mio amico... magari molto più giovane di me, ha il volto segnato da gran canyon, è maschietto e,  beato lui, ha il volto dell'uomo vissuto.
Se io dopo una certa età e con problemi di menopausa,  perdo la mia taglia 38 e passo ad una sana dignitosa femminile 42, magari con un po di pancetta, uhhhhhhhhh mi sono sformata !!, e ho perso il sensuale vitino di vespa... mentre il mio amico di cui sopra... ha la pancetta del benessere dell'età e sopratutto ha le maniglie dell'amore.
Non parliamo poi dei capelli bianchi... qualche filo e sei una vecchia canuta... e se poi li tingi e non vuoi essere una fotocopia di meches e colpi di sole e fai il tuo colore da ragazza, cioè rossa...  allora hai il rosso menopausa!!
Pensate invece al bianco del maschietto, e al fascino del brizzolato...tutta un'altra cosa!!! da svenirci per un paio di tempie grigie hahahaha...
E volando di pensiero in pensiero, e guardando il sociale e gli scambi penso a quanto più paritario anche fisicamente può essere un rapporto fra una bella signora ed un giovane che se uomo è lo è anche a 20 anni..altrimenti sarà e resterà un Peter  Pan, e quanto invece patetico è il "casual attardato" in compagnia di una giovane fanciulla che appare' agli occhi della società come una persona "interessata" e mi chiedo... se dimentica la "celeste"  che faranno ? non hanno neanche di che parlare.
E intanto, rimane sempre nell'immaginario collettivo che se mi accompagno ad un ragazzo, anche solo per un happy hour, io sono una semipedofila... mentre il demente senile che crede alla ragazzina innamorata dei suoi 60anni, sapete cosè? un fighetto!!!
Pensieri sparsi di una "maschilista" ;-))

25 commenti:

  1. TESORAAAAAAA

    Che dire?

    Sei STREPITOSAAAAAAAAAAAAA...

    Hai letto?

    S T R E P I T O S AAAAAAAAAAA!!!...

    CONDIVIDO al 100%!!!

    Baciotti...NI ;o)

    RispondiElimina
  2. se ti può consolare trovo molto più affascinanti le donne "mature" che non hanno più il vitino di vespa e trovo molto più sensuali le taglie generose!!!

    RispondiElimina
  3. Oggi causa malessere generale manco di sufficiente attenzione per commentare cio che hai scritto :)...ma almeno sai che sono passata :)))...e come sempre ti leggo con strapiacere.
    Il tuo blog è uno di quelli della mia lista di preferiti che mi piace sapere che c'è.
    Serena giornata....
    Debora

    RispondiElimina
  4. Facciamola alla Briatore... anzi no, perchè poi passo per quello che si farebbe anche dilapidare i risparmi. Meglio Massimo Catalano trombettista jazz di "Quelli della notte"; è sua la frase:
    "È meglio avere una donna bella, ricca e intelligente piuttosto che una brutta, povera e stupida".

    RispondiElimina
  5. Al lapalissiano Catalano, che mi rispecchiava, ora preferisco Giulio Cesare Giacobbe "Come diventare bella ricca e stronza" (ed. Mondadori) sarà la vecchiaia, e un voler ritornare al passato... perchè ricca e bella lo ero... adesso sono solo stronza hahahaha.
    Notte... è tardissimo... ho finito di giocare a Buraco e majong e di la c'è Amore che aspetta la sua Psiche

    RispondiElimina
  6. Ciao Strega bugiarda, il tuo post mi è piaciuto e dopo aver pastrocciato inutilmente col mio pc, riprovo a lasciare il mio commento:
    Ho meditato (o per meglio dire rimuginato) a lungo sul tema. Molto altalenante tra la presunzione di voler lasciare evidenti i segni del tempo e ricadute a precipizio nel sogno di giovinezza artificiale.
    Al momento tengo duro sui capelli di cui non intendo mistificare i primi fili bianchi.
    Sono orgogliosissima di aver superato la prova estare e di insistere - con tutte quelle voci correnti che non si capacitano della mia decisione - che a ben guardare quei fili di grigetto non sono niente male!.
    P.s. Scrivi veramente bene (molto efficace l'immagine dello scalpello che a volte manda in briciole il concetto di partenza)
    Un saluto Nina

    RispondiElimina
  7. Allora la problematica è atavica, e non limitata ad un semplice commento postato nell'etere...
    Concordo su ciò che hai scritto, nulla da eccepire...la cosa divertente è l'utilizzo della punteggiatura alla "mia" maniera per denotare il respiro profondo tra un concetto e l'altro.
    Saluti...anche se forse devo sottolineare che non sono un "maschietto" arrapato :-)

    RispondiElimina
  8. Ciao Streghetta...tesorooooo!sei bellaaa!e io ti adoro cosi come sei!
    Un bacione grande...a te e a tutta la bella gente che c'è qui stasera.
    Dolce serata.

    RispondiElimina
  9. Ciao Strega, quello che dici è vero, ma sinceramente, quando vedo uno del mio sesso che si accompagna ad una di 40 anni più giovane, mi viene da ridere. C'è una famosa barzelletta sul tema, ma non è il caso di raccontarla qui. Non che sia indecente, ma è un po' lunga. Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
  10. Come ho scritto, il mio post voleva essere una constatazione positiva sul nostro durare e la contraddizione sociale a cui vanno incontro i giovani... essenziali per l'immagine ma purtroppo non ancora formati nel carattere... poi tutto si è spostato sulle rughe, ho avuto la percezione di non essere stata felice ..ed ho fatto questo post...diciamo un po scherzereccio..su altre contraddizioni sociali e opinioni...comuni.
    Elio sia di barzellette che di proverbi... indicano una situazione ed il suo esatto contrario..
    Un sorriso in cammino
    Gingi

    RispondiElimina
  11. Guarda qui ha fatto un post di rivincita!




    http://correntedipensiero.blogspot.com/

    RispondiElimina
  12. avevo scritto che sono d'accordo con la Magnani e quindi guai a chi mi tocca le rughe ^^

    felice di averti incontrata, connessione a carbonella permettendo espleto tutte le accettazioni/inserimenti del caso ^^

    Barbara

    RispondiElimina
  13. Complimenti a te e al tuo blog.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  14. La donna si trucca il viso e l'uomo no... forse è atavico che le donne debbano piacere per l'estetica e l'uomo posa far colpo ancheper altro, soprattutto la forza e l'intellignza. La donna doveva essere bella e formosa, capace di generare... tutto il resto era relativo!
    Oggi siamo diverse, abbiamo diritti e vogliamo che ce li riconoscano tutti. Non ci basta essere belle e non vogliamo esere apprezzate e ricercate solo per la bellezza.
    e poi la bellezza, quella fisica, prima o poi passa resta solo quello che hai saputo costruire e donare.
    Grazie un post che da spunti di riflezzione.

    RispondiElimina
  15. come non darti ragione??? Che poi mi sa proprio che il post sulle rughe te l'ho ispirato io :D
    P.S. di contraddizioni ce ne sono tante...facciamo troppe. P.P.S. se vuoi, da oggi mi trovi su www.turistadimestiere.com

    RispondiElimina
  16. I capelli li porto con orgoglio bianchi e mi vesto con colori che li mettano in risalto...le rughe sono ricami di emozioni vissute...cosa v'è di più vero del vivere se stessi in armonia con le Anime che ci circondano?...un abbraccio ed un raggio di Sole Gingi...a presto..
    dandelìon

    RispondiElimina
  17. La nostra società è maschilista più di quello che possiamo immaginare. E anche chi crede di non esserlo, scavando con attenzione nella sua coscienza, si scopre che è maschilista.
    Una sera mentre tornavo a casa da un ponte guardavo il fiume Pescara che correva verso il mare. Improvvisamente cominciai a sentire una donna che urlava. Probabilmente una prostituta che non aveva consegnato tutto il malloppo al pappone che la minacciava con un coltello. Non ci pensai due volte e scesi sul greto del fiume buttandomi addosso all'uomo. Presi pugni in faccia, ma li ricambiavo puntualmente, mentre la povera donna era scappata e per quella sera era salva. Ero certo di non essere uno spalleggiatore del maschilismo, ma una riflessione improvvisa mi riportò alla realtà. Non ero un padre giusto. Vedendo mio figlio che con un il motorino aveva rimorchiato una ragazzina, oltre a essere felice ero anche orgoglioso. A mio figlia, invece avevo dato un avvertimento: "Se ti incontro da qualche parte mentre sbaciucchi qualche ragazzino ti riempio di schiaffi".
    Dopo aver ricevuto questa illuminazione da buon marito, un po' alla volta, riuscii a liberarmi del maschilismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, credo invece di essere maschilista, ma con una accezione molto diversa da quello che scaturisce dai tuoi esempi. Atteggiamenti come i tuoi derivano da secoli di educazione sociale, e nel dna delle persone sappiamo che non c'è solo l'occhio azzurro o il capello biondo, ma sensazioni, emozioni, atteggiamenti.Mia madre mi diceva sempre che io la baciavo sulla guancia come mio padre, che muovevo le mani, o stavo a tavola come lui, e non era emulazione, io avevo 6 mesi quando lui è volato via.
      Comunque io forse sbaglio termini, ma quando dico che sono maschilista è perchè adoro l'UOMO, purtroppo per me è una utopia, come Diogene ancora lo cerco, ma mi guardo attorno e trovo solo maschi.

      Elimina
  18. Sto morendo di fame e quindi tornerò a rileggere con calma. Quel che ho intuito però è che qui di sostanza ce n'è! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sto andando a cenare intanto benvenuta e buona cena

      Elimina
    2. Sai quei giorni che ti capita lo stesso argomento più volte sotto al naso? Ecco, oggi è questo! E devo dirti che le tue considerazioni sono state anche le mie. A noi è richiesto di essere così è così...forse siamo noi che ci accontentiamo di questi maschi e non pretendiamo che anche loro siano così come vogliono noi? O siamo più realiste?
      Per tutto il resto c'è poco da dire, due pesi e due misure!
      Concordo, purtroppo, anche sul fatto che in giro si vedano piuttosto maschi che uomini, mi chiedo se valga lo stesso per femmine e donne.

      Buonissima notte:*

      Elimina
    3. Le nostre sono solo considerazioni, ed ognuno di noi è un mondo, non tutti i maschi sono Uomini, e molte donne hanno avuto la fortuna di incontrare Uomini, guardo in giro e molte femmine scelgono il compagno e passano la loro esistenza a cercare di cambiarlo, e poi noto che noi siamo meno attirate dalla esteriorità fisica, il metro di valutazione è diverso, so solo che capisco solo adesso di aver perso belle amicizie o conoscenze, per la naturale attrazione che si ha per il bello. Comunque le femmine sono più comode e le Donne troppo impegnative.

      Elimina