StregaBugiarda

Strega perchè ho subito l'incantesimo di una fatata gioventù, bugiarda perchè la realtà è spesso assurda e paradossale e la bugia è più verosimile.

14 dic 2010

Ricami e ....









Continuo con altro: il restauro di un ricamo fine 800, con cui farò una testata di letto, la scatola dei bottoni, il porta tutto per la mia nipotina Ludovica, la mia prima bambola finita ieri da portarle per Natale. Qualche cuscino provenzale fatto con vecchie passamanerie e merletti, qualche borsa da shopping  fatta per amiche, nella speranza di eliminare quelle di plastica (come già succede in molti posti della mia adorata Francia... vediamo cosa trovo... fra le foto del computer... ops mi sono persa... aggiungerò altri lavori  non appena troverò nel caos delle 10000 immagini quelle che volevo postare...
buona giornata a tutti sono già in euforia per lapartenza sento il "profumo di Natale..."

Lavoro? si.. anch'io!

Questo è un post fatto per spiegare a chi si chiede il perchè di visite, il perchè del seguire tanti blog e l'iscrizione a tante news di siti di ricamo ed hobbies femminili da parte di una strega bugiarda che nulla ha in comune con questo splendido mondo fatto di donne sensibili al bello e pazienti. Sono una tuttologa, mi piace ciò che è manuale ma provando a fare di tutto... non sono brava... quasi in nulla...

questa è una bacheca che ho fatto con un vecchio cassetto, a cui ho aggiunto una cimasa che ho patinato

04 nov 2010

Fantasia

Fantasia
Al fantastico mondo della fantasia appartengono tre gruppi di scritti.

1. La fiaba

2. la favola

3. la leggenda

La fiaba, Cera una volta..... basta che si pronunci questa piccola formula, che veniamo catapultati fra personaggi misteriosi e potenti, benefici e malefici, con talismani (bacchette fatate, noci, melarance, tappeti volanti) che operano insospettati prodigi.
La favola...
e qui lascio in sospeso....... perchè ho l'urgente bisogno di dire agli amici, che con affetto mi hanno mandato mail e mi hanno chiamato anche in questo istante, per comunicarmi che il mio ultimo post, Bilanci, è scritto bene ma è triste e crudele, e non appartiene alla mia positività. Ringrazio sopratutto, te, mio adorato Giorgio, che scrivi  "Bilanci è un gesto di completa lucidità" ed io aggiungo che ogni mio scritto, da quelli ironici, a quello sul lavoro, a quello sui trent'anni e a quello sui vecchi amori o amori vecchi, tutti tutti si riferiscono ad episodi e persone che mi hanno donato con il loro comportamenti, con le loro parole l'ispirazione.
E che mi fanno passare dalla favola... alla mia leggenda! termine che uso, in questo caso, nel suo significato etimologico.

21 ott 2010

BILANCI

Sono in giro per casa.. ancora non ho completato il trasloco e la "stanza delle vergogne" è sempre più piena..  Sono in pausa.. "l'otium" latino ha in se il concetto del fermarsi e pensare in maniera progettuale.
Da iniziare o da continuare, ho tante di quelle cose che ci vorrebbero dieci vite,  per completarne solo una parte. Ma non ritrovo lo stato d'animo valido per nessuna di esse, mi debbo preoccupare?
Faccio sempre quello che mi piace fare al momento, ma, dopo un mese di immersione nel "prossimo", non riesco a riprendere ritmo ... debbo consapevolizzare le verifiche fatte, ancora una volta mi gongolo nella presunzione del "non sbagliare mai" .
Amo il mondo, la natura, la sua generosità, la sua bellezza, la forza, dolcezza e credo nella capacità dell'UOMO nell'aver contribuito a avere il mondo ancora più bello.
Ma quando bello? fino a 100 anni fa !!!
Adesso si fanno opere importanti... ma si è persa, insieme al sentimento della meraviglia, l'esigenza dell'armonia.
Nemmeno gli uomini, nel loro piccolo, sono in armonia ... diversi e "stonati" con se stessi, con l'ambiente, ma anche con le proprie cose e con le proprie case.
E così, purtroppo, anche i miei timori sull'uomo sono confermati, maschilistà convinta, debbo arrendermi alla realtà...  l'uomo è solo una IDEA.
Per onestà mentale debbo riconoscere che addebitavo al comportamento della donna la pochezza e la banalità dell'uomo, pensare che dipende da essa sminuirne l'idea, o imputargliene fisime, strategie, paure, è severo ed ingiusto, da parte mia.
Chiedo venia a me stessa e alla idea che le femministe abbiano preso dall'uomo solo quello per cui lo criticano, cioè il peggio, salvo poi pretendere dallo stesso di essere rispettate, adulate, desiderate come donne.
Sto parlando di un'idea che avevo appiccicato ad un essere che non esiste e che secoli di mala-educazione, potere, e spazi usurpati  hanno formato con un DNA lontano mille miglia da questa idea.
Cosa c'era da prendere se non il "peggio" ?
E così debbo arrendermi !
La mente si chiama così solo perchè MENTE!
Le donne, non le maschiliste stupide come me, violentate anche psicologicamente, usate, adulate solo per egoismo, attenzionate per il compiacimento di una educazione sentimentale assente nell'uomo,  non hanno fatto altro che considerare l'uomo per quello che è, per la sua pochezza nei rapporti e nel confronto, donne reali e concrete che si vogliono bene, si rispettano, si stimano, e sono rispettate ed amate.
E' stato un mese lungo, mi ha donato ricchezze enormi, ed ho anche capito che la solitudine non è solo libertà, ma sopratutto forza.
Avvocato e giudice adesso provo nostalgia..languore per l'idea che ho perso, e tanta dolcezza nel verificare la bontà, la pulizia, l'ingenuità e l'entusiasmo per il mondo ed in me stessa.
Sentivo che lo scrivere è come la parola, si presta a mille inganni, permette di costruire un personaggio, e di interpretarne la parte, che ha determinate esigenze, e crede di avere certi interessi, e permette di mostrarsi come vorrebbe e non come è...  ed il reale è falsato come un romanzo, un racconto fatto di se stessi, come in una storia vera i cui personaggi sono frutto di pura fantasia. e non avrei voluto, ma, ancora una volta ho avuto ragione.
Solo la possibilità di dialogare, chattare, anche se fra mille bugie, ti permette di conoscere una persona per quello che ha dentro, per le reazioni che ha nel leggere la frase appena arrivata...e deve rispondere su quel monitor, ora e subito, e non può mentire su letture, esperienze, indole... perchè nell'immediatezza non può inventare, copiare, costruire personaggi della MENTE, ma solo esternare quello che ha dentro.
Così la mia autostima cresce, insieme alla presunzione verificata ed appagata, e si muove in una impermanenza che mi libera dalla forzata coerenza e posso chiudere un periodo di pensieri verdi e tuffarmi in ricerche ed esperienze azzurre.
Riconoscere e confermare che sempre e poi sempre, la pochezza ha l'ipocrisia del non dire e non fare, nascondendosi dietro discrezione, riservatezza, timidezza.
Giorni fa da un'altra parte ho scritto...penso che sto bene.... e si, sto proprio bene ...... ed esco da questa porta a mare... verso il mare.

06 ott 2010

Bisogno

Io non ho bisogno di denaro.
Ho bisogno di sentimenti,
di parole, di parole scelte sapientemente,
di fiori detti pensieri,
di rose dette presenze,
di sogni che abitino gli alberi,
di canzoni che facciano danzare le statue,
di stelle che mormorino all'orecchio degli amanti....
Ho bisogno di poesia,
questa magia che brucia la pesantezza delle parole,
che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.
Alda Merini

07 set 2010

UOMO

Vivi nei miei sogni ?
vivi nei miei desideri?
vivi nei miei pensieri?
sei tenero come ti sogno?
sei stravagante come ti desidero?
sei poeta dei versi che penso?
i tuoi occhi mi fanno sognare?
il tuo sorriso da bramare e desiderare?
le tue parole mi aiutano a pensare?
ma non so se sai sognare...
ma non so se sai desiderare....
non so se sai pensare....
vivi dentro di me: UOMO...... e mi dai la prova che :
LA MENTE SI CHIAMA MENTE.... per il semplice motivo che
MENTE

06 set 2010

La felicità

La felicità è dentro di noi
come il sangue nelle vene,
non possiamo farne a meno!
Cercala e la troverai
magari nel silenzio della tua solitudine,
quando ogni parola è di troppo,
la vivrai dentro di te
alzando il tuo sguardo al cielo,
osservando le nuvole,
seduta ai piedi di una quercia secolare,
o sulla spiaggia cullata dal rumore delle onde!
La troverai...
e scorrerà nelle tue vene,
senza abbandonarti mai!

questo il tramonto di stasera dal mio terrazzo.

Danziamo nel buio

Apro questo magnifico elettrodomestico e mentre rispondo a delle mail, i tanti buon giorno e buona notte... mi scaldano il cuore,  lasciati come rose in attesa del mio ritorno, e, come sempre arriva un "ciao" che mi salva e mi sveglia. Qualcuno mi dice, sono sul tuo blog... è un modo per stare con te .... ed allora eccomi, arrivo anch'io sentendomi in colpa...... 

Danziamo nel buio ascoltando
i caldi sospiri,
che senza parole si accarezzano
e ci vestono la pelle di desideri eterni,
l'odore di noi dipinge nell'anima
il nostro pensiero d'amore
e parla per noi il silenzio
che già conosce il nostro destino.
amami adesso perchè in ciò che è scritto
non ci sarà domani..

18 ago 2010

Tornata?

Sta per compiere un anno,l' assenza da queste pagine che adoro, e che per lunghi inverni sono state la mia unica compagnia, e oggi come i grandi amori, che tornano nei momenti di nostalgia, eccomi quì.
La mia matita però, è sempre sempre stata con me,  i fogli sparsi in giro per casa... ed oggi tutti raccolti in fretta come una ladra, portati nella mia nuova dimora, tanti, ma quanti... pizzini con gli appunti di altrettante idee e progetti.









Intanto poche immagini a suggellare il mio ricordo visivo di quando ero sdraiata nel mio letto, di quando alzavo gli occhi durante il pranzo, di quando con ansia tanti anni fa preparavo l'esame di maturità, e il giardino dei miei giochi a nascondere e della vecchia altalena sulla quale andavo in maniera spericolata. Sono passati 164 anni da quando il mio bisnonno finì di erigerla, ed è trascorsa la mia vita da quando ascoltavo avida i racconti di famiglia, la grande palma piantata al passaggio di Garibaldi, lo zio che nel 1916 con un Caproni 73, lanciava sul terrazzo alla sorella (mia nonna) i pacchetti con gli acquisti fatti a Palermo 
 e tanto altro che mi si stringe il cuore e non riesco a bloccare il magone provocato da comportamenti incivili da chi è cresciuto con l'idea che una buona nascita consenta e legittimi ogni cosa.
Sto ancora male nell'aver visto profanare una storia, nell'aver assistito allo svuotamento dei 5 camerini, dove nulla era mai stato toccato, e dove nulla è stato visionato, si... il cognome è uguale, ma cresciuti lontano e figli della pietra.