Più si apprezza la vita e più si restituisce

22 giu 2017

Coincidenze

Sono qui, lontano dai lughi che mi hanno visto nascere, crescere, e, così come ci hanno insegnato a scuola, animale intelligente che su questo nostro pianeta ha il maggior grado di adattabilità climatica ed ambientale. Al risveglio una telefonata, un buon giorno, uno scambio di parole mettono in moto dei meccanismi e cominci la giornata con dei bilanci, costretta a chiederti  i perchè, a programmare e progettare il da farsi, impossibilitata a vivere con leggerezza, entusiasmi, allegria,  e a dar ascolto alla voce che hai dentro e che conferma la tua indole di sincerità, di generosità, di approccio alle cose col cuore pulito e tanta tanta comprensione.
E invece no, no, non è possibile, sei costretta a tollerare, termine terribile che implica l'accettazione di ciò che non condividi, con tanto di buonismo al seguito.
E il mio non condividere non è rivolto al diverso da me, non è il concetto politico opposto al mio, non è la forma esteriore di  valori che non appartengono a latitudini diverse o tempi, ma è questo mio essere fragile nel costatare l'assoluta mancanza di buon gusto comportamentale, il disconoscere l'eleganza dei sentimenti, la prevaricazione e quindi la violenza mentale, nel non intendere il rispetto dell'altrui bisogno come base di qualsiasi rapporto di conoscenza civile.
Ma sono una generosa ed una entusiasta, e so benissimo che fra sette miliardi di individui, la maggior parte saranno più comprensivi di me, più educati di me, più corretti di me.... ma per adesso, abbandonata la rabbia di un tempo, mi consolo con una forma quasi patologica di mania di grandezza, che però è salvezza di vita e forma di serenità.
Vabbè poverina, è ignorante ..
Vabbè poverino, non è sincero neanche con se stesso,
Vabbè non ha avuto la fortuna della mia nascita.
Vabbè non ha avuto la fortuna della mia educazione.
Vabbè non ha avuto la fortuna di crescere nella ricchezza.
Vabbè non ha saputo essere curioso/a per cui non ha conoscenza delle cose.
Vabbè non sono delle aquile.
Etc Etc hhahaha e così nel frattempo mi preparo all'internamento in un padiglione di igiene mentale.... ma non preoccupatevi non dirò di essere Napoleone... ma solo e semplicemente Giuseppina Beauharnais!
E nel frattempo, con tatto, (unica cosa che si nota solo quando manca), mi godo le meraviglie del mondo.

Post del 16 Maggio 2011

5 commenti:

  1. Bellissimo post, cara Strega bugiarda. Hai colto un aspetto fondamentale del nostro essere, il dover tollerare la mancanza altrui. Mancanza che si esprime in forme diverse, ma che comunque ferisce l'anima sensibile come lo è la tua.
    Rimane sempre l'incanto della Natura, del paesaggio e quella poesia che coltiviamo dentro di noi.
    Ti abbraccio dolcemente,
    Lara

    RispondiElimina
  2. Gingi, che succede? Sono preoccupata. Io voglio che tu sia felice, che tu abbia gli spazi che la tua anima e il tuo corpo reclamano. Ho notato anche che persino il tuo stile di scrittura è cambiato.
    Io sono in locanda se hai bisogno di parlare con qualcuno e non pubblicherò il tuo commento se mi dirai di non farlo.
    Un abbraccio immenso.

    RispondiElimina
  3. Sonia cara tutto OK. E solo che abituata alla mia libertà assoluta, interiore e materiale, scontrandomi con la realtà comportamentale di altri, mi sento un po come "razza in estinzione".
    Ma sono contenta, sto trascorrendo giorni sereni in posti magici...ed ogni tanto ho delle impennate alla Gozzano , quello che poteva essere e non è stato.
    ..... e vedo un quadrifoglio che non raccoglierò.
    Un abbraccio forte forte
    La strega stregolata e stregata.

    RispondiElimina
  4. La natura meravigliosa,i paesaggi che ti circondano,possano aiutarti a vivere con leggerezza ed allegria, giorni sereni.
    Il resto? incidenti di percorso:capitano,di segno diverso,nella vita di tutti.
    Serenità ed un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Sono gli inconvenienti di alcune giornate ma vedo che ti sei ripresa e ti godi il magnifico mercato di Cherasco, ci sono stata alcune volte a caccia di vecchie riviste di ricamo, un vero paradiso! Un grande abbraccio Carla

    RispondiElimina