Più si apprezza la vita e più si restituisce

10 ago 2017

Viaggio di Natale...??

-21.12.2007 dopo un viaggio disastroso sono arrivata dove la mia "stella cometa" mi ha portato

In questa nazione da terzo, quarto, quinto mondo (a seconda a quale settore ci si riferisce) dopo essere stati fermi in una stazione per ben 120 minuti, senza alcuna spiegazione o motivazione apparente e quindi aver perso due coincidenze possibili, per raggiungere il luogo di un mio ramo... mi era rimasta solo la possibilità di un eurostar, salgo, anche se senza prenotazione.....

Ma... e si, ci sono i ma... dopo appena 25 minuti di viaggio... stipati come in carro bestiame, su un trenino, senza posti per valigie... che tutto era tranne che un eurostar... ci si fermava in una stazione, oramai dismessa da anni, di un paesino abbandonato dal terremoto del 1980... mentre un altoparlante comunicava che eravamo fermi.. CASO MAI NON NE AVESSIMO AVUTO COSCIENZA., e che si sarebbero premurati a farci sapere la motivazione..ed "eventualmente" l'orario del proseguimento.

Era un treno pieno di studenti che tornavano a casa per le vacanze di natale, e debbo dire gradevolissima e spiritosa la compagnia.

Fra i vari annunci, e consigli di sgranchirsi le gambe, scendendo dal treno, ci fu annunciato che avremmo proseguito la corsa dopo altri trenta minuti.

Trascorso tale tempo, un altoparlante ci informava che dovevamo abbandonare il treno... e che a breve, sarebbero arrivati degli autobus per le varie destinazioni.

Nessun carrello ristoro, ( ne abbiamo visto passare uno, ma ci dissero che era per il personale di servizio in treno) non dico il freddo sull'appennino innevato, e al passaggio di un povero "orfanello" di TRENITALIA riusciamo a fargli aprire bocca, per riferirci  che "era caduto un aereo sui binari"!!!

Ma nè su internet, nè su sky news24, nè con i cell, avevavo sentore di tale notizia, trascorse già più di 2 ore.

Sorvolo sui commenti, sulle battute, sulle situazioni, che hanno sempre un risvolto ironico, e paradossalmente ridicolo......e in questa Italia di artisti e di gente "preparata" al ruolo assegnatogli è successo che una signora (sicuramente sotto effetto di "pera") aveva avvisato la ferrovia di aver visto cadere sui binati una palla di fuoco.

Così questo popolo di creativi era giunto al disastro aereo, poi, notizia ridimensionata, alle nostre rimostranze, (data l'assenza di conferme) a caduta di elicottero e 4 morti, a detta dell'orfanello controllore di cui sopra.
Il caos all'arrivo dei bus è indescrivibile, restarono intasati in uno slargo senza poter fare manovra, fra "viaggiatori e valigie, io fortunella, fui prelevata da mia figlia e mio genero che in tante ore di tempo erano arrivati insieme ai bus, e aiutata dalle luci di questi bestioni li raggiunsi.alla fine di quella pseudo stradina sterrata, dono riuscimmo ad fare inversione.

Ultime notizie ( della notte al tg regionale) sono state che "stavano ancora cercando sui binari, ispezionati a piedi.... qualche traccia della "visione" avuta dalla "signora".

Morale: caos all'arrivo dei bus... confusione per l'arrivo degli operatori della tv del capoluogo di provincia più vicino, discussione dei viaggiatori , sopratutto quelli con la destinazione più lontana, Taranto. Su tutta la vicenda silenzio assoluto, tranne la Tv regionale, che ha soddisfatto la nostra curiosità raccontando poi..... il "sogno della signora".
E proprio vero siamo tutti poeti....






Nessun commento:

Posta un commento