Più si apprezza la vita e più si restituisce

23 giu 2017

PRESEPE.....Ed è sempre Natale

I giorni appena trascorsi sono stati all'insegna di progetti...serenità e dolce pigrizia nello stare in poltrona per tutti gli handmade da finire prima della prossima domenica, giorno di partenza, vado dai miei rami...
Il Natale ci avvicina, ed è occasione per trasmettere tradizioni, sensazioni, emozioni, e per tenere ben salda la memoria, il ricordo...di ciò che siamo..di ciò che eravamo.
La mia mamma
era una donna meravigliosa, bravissima in molte arti femminili e con un pizzico di vena artistica, e ciò faceva si che si cominciasse ai primi di novembre il lavoro di preparazione di quel presepe che era la mia gioia ed il mio orgoglio...
Intanto un mese addietro,  ho inviato a mia figlia
qualche vecchio pastorello e qualche casetta... lei ha la fortuna di avere un marito che ama la casa, le tradizioni
e ogni attimo libero lo passa con  Lulù, ed è con lei, vecchietta di due anni e mezzo, che  ha preparato il presepe.

Io, intanto, in ricordo di quei tempi meravigliosi, in cui forse mancava  l'apparenza del benessere, ma in tutti, vi era la ricchezza di enormi valori, e si misuravano le persone con "l'essere" e non con "l'avere", ho cercato nel web e nel ricordo di amici... l'intero testo della "Ninnaredda" la novena che tre uomini ogni sera dal 15 Dicembre, cantavano e suonavano per le strade e salivano nelle case dove vi era il presepe.
Erano in tre,  un signore con la chitarra, uno col mandolino e l'altro con  "u friscalettu", una specie di clarinetto ricavato a mano con una robusta "canna".
Nel presepe della mia infanzia le montagne erano fatte con le pietre della "ferrovia"... scure e porose, invecchiate da tutto quel carbone usato per mandare avanti le locomotive, mentre nelle sponde dei laghi o nel bordo dei letti del fiume... vi era la pietra pomice, che mia madre si faceva portare da Canneto di Lipari, e il muschio, doveva essere spesso e pieno, sempre verde per tutto il periodo, e quale se non il migliore? quello del bosco della Miraglia?
Stavo ore incantata a guardare gli artigiani, davanti le loro botteghe intenti al lavoro, le lavandaie sul greto a sciacquare i panni, i pianoli delle colline pieni di pecorelle accompagnate da cani e pastori... e mi ricordo ancora galline e piccoli animali domestici nell'aia di case che avevano davanti la porta il famoso gelso esistente in tutte le case coloniche di questa zona della Sicilia, e risuonano ancora le parole di mia madre che diceva... "vedi, quell'altra casa colonica invece è dei luoghi della tua nascita, da noi, non c'è il gelso, ma il carrubbo davanti alle case di campagna".
Da piccola dovevo sembrare abbastanza antipatica, non so se lo sono ancora, ma adesso, vicina al concetto della vacuità delle cose, credo di essere diversa. Allora ero come un pavone,  tutti dicevano che il presepe di mia madre era il più bello, non è che ce ne fossero molti in paese, ma quelli importanti erano circa sei, tutti appartenenti ad amici di famiglia o a parenti.
Il gruppetto abbastanza consistente di amiche e cugine insieme alla "ninnaredda" si spostava di casa in casa, e in queste case, all'arrivo del canto natalizio salivano tutti i vicini... per cantare insieme il ritornello
 E Natali si annunziò,
E Natali si annunziò,
Viniti pasturi ch'è natu u Bambinu
U verbu divinu chi a 'tutti sarvò,
E Natali si annunziò
E Natali si annunziò ....
Da noi c'era il vassoio con i dolcetti per tutti gli abitanti dei vicoli che salivano ad ammirare il presepe, facevano i complimenti a mamma ed assistevano alla novena.
Ero la più piccolina del gruppo, ma mi sentivo la più importante infatti da noi la nimmaredda si fermava due volte, su in casa, e all'ingresso del cancello del giardino della strada principale, dove vi era una edicola votiva al Sacro Cuore di Gesù, eretta dalla mia bisnonna, edicola ora trasferita e "moderna" nella stessa strada e dove allora vi era cancello ed l'antica statua ora vi è una strada.
Ieri, nel parlare con una cugina per chiederle se ricordava il testo della "ninnaredda a Gesù" abbiamo ricordato quelle visite reciproche, quelle sere di canti, ed aneddoti sulle nostre madri, ed io ho confessato l'enorme invidia e la rabbia che ebbi un anno, quando vidi che nel presepe di casa sua il fiume era di acqua che scorreva, e non di specchio come il nostro, vi era un orticello con il grano che aveva germogliato e stava crescendo, e tornai  a casa, chiedendo conto e ragione del perchè dai nostri cugini, l'acqua era vera, ma "sopratutto il grano... il grano... perchè noi non avevamo piantato nulla?" e giù pianti...
Sono passate "ere" da allora ma non credo di dover dire "alla mia epoca", in quanto questa in cui vivo è pur sempre la mia epoca, il mio tempo, e allora rispondo a Potolina,  nel IL NATALE SECONDO ME e dico che è l'abbandono di ogni competizione , perseguire unione, e coltivare le nostre radici, poichè senza di esse i rami non solo non germogliano ma seccano.
Il Natale secondo me è saper godere con gioia di quello che abbiamo, e desiderare sempre più sentimenti e amore.

Non sto mantenendo un ordine cronologico, questo è sempre del 2011, e lo pubblico adesso perchè ricordavo avesse foto che stavo cercando.

33 commenti:

  1. Bellissimo post,un tuffo nel passato e ci si rende conto che fondamentalmente nulla è cambiato.In fin dei conti,se si pensa allo spirito vero del Natale,tradizioni, valori e sentimenti,oggi come allora restano immutati, se lo guardiamo dal lato consumistico... beh... non è il Natale.
    Un grosso augurio di serene e liete feste.
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Che bello questo post...
    Ho immaginato i momenti che hai descritto come sempre trasferendo le tue emozioni.
    La foto della tua mamma trasmette eleganza e finezza...molto molto bella.
    Anche io desidero sentimenti ed amore più di cose materiali, ma mi sono resa conto ch enon è poi così facile arrivino...molto piu semplice regalare un profumo costoso.
    Un abbraccio.
    Debora

    RispondiElimina
  3. Il Natale delle Emozioni...il ritrovarsi nei ricordi delle esperienze vere...un Presepe è anche cammino...se lo si crea assieme...
    grazie dolce Gingi...
    sereno Avvento..
    un abbraccio..
    dandelìon

    RispondiElimina
  4. ALT ALT ALT ALT, ho letto questo post DOPO averti lasciato un commento sul post precedente. Gingi sono felice di capire che..non avevo capito un beneamato tubo! eheheheheheh
    Bellissimo anche questo altro salto in un epoca che io non conosco, sono nata nel momento del boom economico e certe tradizioni si tendeva a lasciarle, quasi ci si vergognasse di esse....la modernità imponeva altri ritmi...tanto per dirne una, a casa mia furono murati tutti i camini, erano segno di pochezza economica...!
    un bacione e buon viaggio!

    RispondiElimina
  5. Incantata! questo post ha risvegliato tanti ricordi non simili ai tuoi.
    I miei natali erano più poveri di cose ma pieni di amore e di piccolissime cose...che conservo nel cuore.

    Quello che ricordo di più e l'emozione che in questo periodo sentivo una gioia indescrivibile...iniziava per noi collegiali il conto alla rovescia, il 24 tutte a casa per le vacanze natalizie stretta a noi la letterina da leggere il giorno di natale e la poesia imparata..

    Bella famiglia.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. Incantevole e ricco di poesia questo post.. Un abbraccio Gingi. A presto!

    RispondiElimina
  7. Spero di raggiungerti prima della partenza. Il tuo post mi ha reso il Natale ancora più bello. Hai avuto una bellissima mamma, hai una bellissima figlia che ha una bellissima famiglia. Cosa si vuole di più dalla vita? Una volta si rispondeva "Voglio, la caramella che mi piace tanto.....".
    Al rientro passa lo stesso da me e ti svelo il segreto : il 24 è il mio compleanno ed il 19 faccio un post che spero sia spiritoso. Lo vedrai al rientro. Tantissimi auguri di buone feste a te ed ai tuoi.

    RispondiElimina
  8. Ciao cara Gingi,quello che ho letto mi ha toccato dentro,il tuo modo di presentare le emozioni mi piace molto,ti abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  9. Invidio i tuoi ricordi e ti sono grata per aver condiviso con noi questi tuoi pensieri.
    Ricambio di cuore gli auguri e aspetto il tuo ritorno.
    Un abbraccio
    Lucia

    RispondiElimina
  10. Leggerti è ricevere emozioni!Che belle queste tradizioni antiche!Bella la foto del passato(la tua mamma) e bella quella del presente (tua figlia)Ti augur per queste feste giorni sereni che si estendano anche ai mesi successivi!Baci,streghetta!Rosetta

    RispondiElimina
  11. Ciao,
    non puoi immaginare che piacere leggere di antiche tradizioni coltivate con così tanto amore dall'altra parte della nostra penisola! Molto interessante!
    A presto,
    Barbara

    RispondiElimina
  12. Buongiorno a te!
    In questi tempi così duri e oscuri, è bello leggere qualcuno che sa davvero scrivere...ti ringrazio per le tue sempre care parole!
    Buone vacanze con i tuoi cari, *Maristella*.

    RispondiElimina
  13. Sono i gesti piccoli che, sommati, compongono le nostre giornate :)

    RispondiElimina
  14. Grazie di avermi fatto conoscere il tuo blog...tu non sai l'emozione che ho provato nel leggere il tuo scritto..ho anch'io ricordi simili della mia infanzia li tengo dentro perchè non so esprimerli....come è cambiato tutto!!tutti corrono a destra e a sinistra a comperare regali e cenoni sempre più costosi...C è " l'urgenza" di riscoprire il vero Natale!!! Buon pomeriggio..Claudia

    RispondiElimina
  15. Affinchè i rami possano svettare verso il cielo, rigogliosi e carichi di foglie e soprattutto di frutti, perchè possano resistere alle intemperie della vita, occorrono salde radici.
    Le tradizioni raccontano la nostra storia, da dove veniamo. Penso che il Natale accentui questo bisogno di "casa" e famiglia, è lo stesso pensiero di un Bimbo che nasce che ci porta a questo. Se poi il Bimbo è l'Amore, la Vita, la Speranza come non pensare e desiderare sempre più che nella nostra vita ci sia spazio per i sentimenti e l'amore?
    ti ringrazio per il pensiero che hai avuto venendomi a slautare prima della tua partenza. Ti auguro di trascorrere le feste nella serenità, nella gioia e nella benedizione e di trasmettere anche alla tua piccola nipotina tutto il bene, che nella storia e nell'esperienza hai conosciuto e maturato.
    un forte abbraccio
    da estendere anche ai tuoi splendidi rami
    P.S. -
    Una famiglia di belle donne la tua, eh? Complimenti!!

    RispondiElimina
  16. Ciao stregabugiarda, posso inserire questa tua sroria nel cantastoria?
    ciao

    RispondiElimina
  17. Ciao Gingi, grazie per i tuoi bellissimi auguri che contraccambio di cuore e grazie per questo tuo post che mi ha fatto ricordare natali lontanissimi e presepi indimenticabili! Come Debora condivido il tuo pensiero finale ma penso che si apprezzi maggiormente con l'andar degli anni, un grande grandissimo abbraccio Carla

    RispondiElimina
  18. tua figlia e la tua mamma sono bellissime. il presepio anche.
    tu sei bellissima, che hai sempre una parola garbata e gentile.
    buona festa della vita, cara Strega :)

    RispondiElimina
  19. C'é poco da fare. Di questo ennesimo tuo bel racconto, mi rimangono particolaremte impresse le immagini di tua figlia, che mi sembra il perfetto ritratto di una gioventù sana e solare, e di tua madre, capace da sola di evocare svariate storie di raffinata eleganza.

    RispondiElimina
  20. Questo tuo racconto è emozionante. Adriano ha anticipat il mio pensiero. Mi hanno colpito le immagini di tua figlia e di tua mamma per le ragioni che diceva Adriano.
    C'è un filo conduttore fatto di grande serenità e dolcezza.

    RispondiElimina
  21. Bella questa ricostruzione del tuo Natale,seguendo i ricordi attraverso immagini e racconti,e tu a fare da ponte fra le generazioni e rendere piacevole il rinnovarsi delle tradizioni.
    I tuoi rami,braccia accoglienti e vigorose,ricche di promesse:un sereno Natale fra loro e grazie per questo tuo regalo.

    RispondiElimina
  22. ma che bel post!!!! grazie per averci regalato le tue emozioni! e grazie per la partecipazione!!!! bellissimo! complimenti!

    RispondiElimina
  23. Regalare le proprie emozioni e i propri ricordi e' un grande gesto d'affetto! Grazie!
    Auguri a te e alla tua famiglia...
    Silvia

    RispondiElimina
  24. i tuoi post sono sempre pieni di emozioni. Lo spunto è un ricordo, ma che si arricchisce nel corso della lettura di sfumature e sentimenti che arrivano dritti al cuore di chi legge. Ti vediamo bambina, che ti pavoneggi per il presepe della tua bellissima mamma. E ti ritroviamo donna, che dà peso all'amore, ai valori importanti. Siamo cresciuti e maturati con te, nello spazio di un post. Ed è stato bellissimo. Ti abbraccio e ti auguro di trascorrere uno splendido Natale e un anno nuovo capace di stupirti.

    RispondiElimina
  25. Ciao e buona giornata
    Per gli auguri del Santo Natale passerò di nuovo.
    Un abbraccio di simpatia.

    RispondiElimina
  26. Ciao Gingi, il tuo mondo interiore è ricchissimo e per me che lo incontro attraverso le tue parole è estremamente emozionante!
    Auguro a te e alla tua bellissima famiglia un Natale avvolgente come i tuoi ricordi e un anno nuovo che sia un trionfo di serenità gioia e amore!

    RispondiElimina
  27. Una gran musica, profumi e sapori che conosco e riconosco. Auguri sinceri e meditati.
    Enzo

    RispondiElimina
  28. Scusa se ho postato prima nel post successivo e, per la fretta, mi stavo per perdere questa chicca che hai pubblicato.
    Hai espresso a meraviglia i sentimenti che ci animavano da bambini. Anche a Venezia si tramandavano queste tradizioni. Su un grande mobile, nella cucina, mio padre preparava il presepio con il laghetto ed il torrente fatti con la carta stagnola. A lato del mobile c'era l'abete completamente addobbato.
    Grazie Gingi per avermi risvegliato questi ricordi. Un amichevole abbraccio accompagnato da tanti auguri.

    RispondiElimina
  29. Mi piace leggerti e perciò di tanto in tanto entro nei tuoi post precedenti. I ricordi, il passato ci fa essere quello che siamo nel presente. Anche io amo raccontarmi, ricordando ciò che porto nel mio cuore. Sono d'accordo con te. e' importante nutrirsi di amore e di buoni sentimenti che riempiono la vita. Buona giornata.
    La madame

    RispondiElimina
  30. Cara Gingi, finalmente sono qui, nel tuo salotto: mi sono goduta questo tuo post, bello e emozionante, e belle le foto: che bella signora tua madre .... e mi hai fatto venire in mente certi Natali lontani e mi è venuto in mente un post che pubblicai nel 2008
    https://mondodipaola.blogspot.it/2008/12/vorrei-altri-natali.html?m=0
    pieno di nostalgia come il tuo
    oggi le atmosfere che respiravamo noi in quei giorni, durante i preparativi del presepe, sono cosa rara ed è un vero peccato.
    Grazie per le sensazioni che mi hai offerto con questo tuo ricordo. Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolaaaaa che piacere averti qui, un tuffo al cuore! Ricordi di quando i blog erano i nostri incontri, di quando sentivamo una unione speciale.
      Sono venuta tempo fa , ti ho lasciato un saluto ed un augurio per il tuo complibog. Ricordo il tuo post sul natale, ma adesso andrò a riguardarlo e leggerlo con piacere.
      Gli anni passano, ma i progetti non li accantono, un abbraccio a te e Saverio e un grazie di cuore per esserci e per la meravigliosa persona che sei.
      Gingi

      Elimina
    2. Giusto stamani ti ho risposto sul mio blog e ti ho detto che oggi sarei venuta da te. Sono contenta di esserci riuscita. Bacio

      Elimina

I commenti sono liberi la stupidità o peggio no-