29/lug/2014

Ricordi , prologo del futuro

La notte è trascorsa a riordinare nella nuova casa. Sono lenta, apro pagine a caso, come se fossero i libri delle risposte, mi fermo ad ogni giornale, non riesco a posarli senza aprire e curiosare.
Immagini fantastiche dei numeri speciali di Epoca, l'allunaggio, le avventure di Bonatti, e indietro nel tempo La lettura e Le vie d'italia, del 1914, e gli articoli sulla Grande Guerra. Ho sistemato alcune cose di Beppe, la sua rivista Braci, dei libretti stampati da una tipografia locale, che adesso non c'è più, e mentre pensavo a quanta grande è stata la mia fortuna di vita, altrettanto grandi i miei dolori e le tragedie, e oltre ad essere unica, del resto come tutte le altre, la sento speciale, per la passione che mi accompagna, e il ritornello che mi fa arrabbiare "tu sempre fortunata" so che corrisponde a verità.
Per uno strano sentire, ho visitato un sito che mi era stato decantato anni fa, e che mi aveva profondamente deluso, forse per le aspettative che non bisogna mai avere.
Non lo avevo più visitato, e, caso o coincidenza, stamani ho trovato una poesia di Beppe ; un semplice copia incolla, di quelli che per dire qualcosa ti affidi a parole altrui, e sopratutto alla poesia che è un linguaggio capace di accarezzare il cuore di tutti, infatti si basa sulla interpretazione soggettiva e lo stato d'animo di chi legge.
Allora mi piace "dire o meglio ridire" di questo grande della scuola poetica romana degli anni 80. Così do una rispolverata ad un mio vecchio post... dell'Aprile del 2012 :
 A scrivere ho imparato dagli amici,
ma senza di loro. Tu m'hai insegnato
ad amare, ma senza di te. La vita 
con il suo dolore mi insegna a vivere,
ma quasi senza vita, e a lavorare,
ma sempre senza lavoro.
Allora io ho imparato a piangere,
ma senza lacrime, a sognare, ma
non vedo in sogno, che figure inumane,
Non ha più limite la mia pazienza.
Non ho pazienza più per niente, niente
più rimane della nostra fortuna.
Anche ad odiare ho dovuto imparare
Foto di Beppe ai Fori Imperiali "letture notturne"
e dagli amici e da te e dalla vita intera.
                                                    Beppe Salvia

Sistemando vecchie carte ho trovato un suo breve appunto.

“Io amo la mia casa perché è bella / e silenziosa e forte: sembra d’aver / qui / nella casa un’altra casa, d’ombra, / e nella vita un’altra vita, eterna”.


La sua bellezza biondo e riccio come un cherubino, grandi occhi azzurri,  era pari alla meraviglia del suo dire.
E mentre un gatto prendeva posto alle spalle di quella nonna che sedeva in modo da fargli posto,
Foto Gingi sala da pranzo
lui ad appena tre anni raccontava in poesia 
le biricchinate dell'asilo, mangiando elegantemente e da solo.
Ci sarebbero nella biografia di Beppe tanti elementi per farne una leggenda. A Lui piacevano gli slanci e i salti, i salti lessicali e logici,
e anche quelli fisici, da equilibrista.

Gli piaceva saltare sui davanzali.
Lo faceva ogni tanto, tra il terrore di chi guardava.
Non si prendeva mai sul serio, aveva uno spirito sornione, e se pure aveva un sentimento altissimo della poesia, non ci pensava troppo a bruciare le sue pagine o a buttarle nel Tevere. 
"Scriveva usando eteronomi, alla maniera di Pessoa,
che gli consentivano di praticare «l'immodesta arte di troppe vite vere».
Dal vento dei suoi boschi lucani "al limitar di neve e foresta" fra volpi e segugi gli arrivò il  soffio dei versi di Orazio e dalla materna Sicilia l'eco della scuola siciliana."
E mi affacciavo su quel giardino
Giardino di casa, foto fatta 40 anni dopo.
che mi vedeva per lunghe ore calde sull'altalena mentre fra un disegno,
Gingi e Beppe in giardino 1955

Foto Strega acquerello e china B. Salvia,1970 
una poesia, lui all'ombra della pergola con la chitarra omaggiava i Beatles dell'estate di Girl. 



28/lug/2014

ARCOBALENO

La casa sta prendendo forma... domani appuntamento dall'avvocato, a perseguire giustizia, poca fede e molte speranze.
Oggi il mio amico storico quello di cui parlavo qui http://stregabugiarda.blogspot.it/2012/06/consensi.html mi ha portato una pubblicazione "Così di Diu e Cosi duci" e ho aperto l'elettrodomestico per l'idea di un post sui Santi Padroni e i dolci tradizionali che si preparano per le loro feste on Sicilia...
Ma sono discontinua, c'è dislessia fra gli intenti e i miei polpastrelli, apro questa scatoletta prendo altre strade, e curiosa vado da blogger che, a seconda dello stato d'animo, visito come una medicina dell'anima, cerco chi mi solleva con la sua ironia, con la sua scrittura leggera ma piena di verità, con le battute secche dei cinguettii, chi riesce a farmi ridere di cuore e mi comunica allegria.


Perché io se non arrivo all’uva…⁰Mi stappo direttamente il vino!

Sono assidua frequentatrice di un ragazzo su wordpress, lo seguo su FB, su Twitter scrive racconti erotici, il cui principale ingrediente è l'ironia ed io che l'erotico non preferisco leggerlo,,,ma....trovo gradevole seguire le sue letterine sul foglio.
E' un uomo che lavora nell'arte applicata all'industria e come tale è sensibile al bello e per tradizione di famiglia conosce la nobiltà del lavoro... e mi ha detto, Miriam, Streghetta, Gingi, insomma bloggherina se vuoi ribloggare a me fa piacere, ed ecco Arcobaleno, un pensiero che già da stamani suonava anche le mie corde

Arcobaleno
Aveva visto spesso l’arcobaleno, e non solo come mero effetto ottico ma sotto forma di moltissime emozioni e sensazioni.
Il più delle volte però questi arcobaleni si erano rivelati solo illusioni, come voci sussurrate dal vento, che quando giungeva finalmente ad ascoltare davvero erano ormai svanite, fuggite nuovamente lontano.
Eppure nel profondo dell’animo era certo che, secondo le leggende sussurrate dai folletti, in fondo all’arcobaleno si potesse trovare veramente un tesoro inestimabile, si diceva addirittura una pentola piena d’oro
Anche se in fondo era conscio che l’oro fra le mani era solo come sabbia in una clessidra, null’altro che tempo che passava.
Per questo, poco a poco scoprì che in fondo al proprio arcobaleno si celava un tesoro ben più prezioso, molto più emozionante da trovare e scoprire, ed era la sua vita, una vita intensa, profonda e finalmente pienamente compresa e afferrata.
Perché per tutti, dopo aver vanamente scavato sotto a mille arcobaleni sarebbe venuto prima o poi il momento di trovare finalmente il tesoro tanto desiderato.
Michele

23/lug/2014

Avventura nel primo secolo

"Avventura nel primo secolo" finito di rileggerlo la scorsa notte, a volte mi prende il desiderio di libri che hanno lasciato un buon ricordo, e questo di Paolo Monelli per me è stata una folgorazione allora, ed un piacere rinnovato adesso.
Monelli una sera del 1954,  riceve la visita di un incaricato della sezione UDU (ufficio dei desideri umani.) per consentirgli di realizzare il desiderio di fare un viaggio nel tempo e di vivere nella Roma dei Cesari.
 Egli non potrà modificare nulla, non potrà incidere sui fatti storici,né comunicare future invenzioni ai suoi concittadini, e il suo spirito prenderà posto nel corpo di un bimbo appartenente alla gens valeria. 
IL racconto pieno di simpatici aneddoti ha una grande valenza storica, e porta anche chi lo legge alla conoscenza di una quarantina d'anni, coinvolgenti per la precisione e la ricostruzione ambientale .
Lui , Publius Valerius Monellus ci fa assistere dagli ultimi anni del governo di Augusto fino alla prudente politica estera di Tiberio, ci porta a Capri, a Baia, in Egitto in Siria, a Petra, fino alla conoscenza di Plinio il vecchio, sempre in compagnia del suo taccuino, al quale predice inutilmente la morte investito dalla tremenda nube di gas del Vesuvio.
Impossibile qui dire i riferimenti storici quelli mitologici e le considerazioni su i personaggi ed i luoghi dell'epoca. Riporto un brano tanto per farvi capire quanto vasti siano gli orizzonti descritti: "Sapevo che Hostia frequentava... Ovidio Nasone che avevo visto più volte dal libraio, presso il termopolio del portico di Nettuno, ospite onorando. Ogni volta che lo vedevo pensavo ad un misto di Cardarelli e di Bacchelli, un Cardarelli per la piega amara delle labbra, per il gesto ammonitore, col dito alzato, con cui attirava l'attenzione con quello che stava per dire, un Bacchelli per la maestà dell'incedere e le floride pieghe della pelle sulle guance, e l'aspetto di uomo fortunato, che se la faceva bene, amico dei potenti, vezzeggiato dalle donne".
 Poi ci sono le notti romane, delle matrone ma anche di Julia, nipote dell'imperatore che si racconta, e pare risponda al vero, che una sola notte infilò nel braccio della statua del nonno bel tredici corone d'alloro, tante quanti i centurioni che avevano acconsentito a soddisfarne le voglie. 
Adesso con il sapore di essere vissuta 20 secoli fa, con il ripasso della mitologia, della storia e dei sentimenti dell'epoca mi chiedo:
Che interesse può avere per un lettore una storia vecchia di duemila anni?Che segni di vita possono arrivare da un passato di 20 secoli ?Shakespeare  nella Tempesta ci avverte
“il passato è soltanto un prologo” 
il prologo della nostra vita, alla quale tutto ciò che la precede appartiene come parte indistruttibile dell’esistenza, Cesare, Antonio, Annibale. Costantino, Alessandro, e tutti gli altri anche sconosciuti siamo noi, la loro storia è la nostra storia.
Il ricordo che riusciamo a decifrarne è in sostanza il ricordo di noi stessi.
Ed è inutile obiettare che 20 secoli sono un abisso così profondo da non poter scendervi dentro. 
Ogni 100 anni si succedono tre generazioni, il mio nonno era nato nel 1861, insieme al regno d’Italia e da bimba raccontava quello che aveva sentito dal suo nonno su i Francesi ed i Borboni… l'altro nonno raccontava di quando suo padre piantò in giardino  al passaggio di Garibaldi la palma che ancora c'è.
Un filo ininterrotto dal settecento fino a me. Con questa cadenza di vita  sessanta nonni ci dividono da Annibbale o Cesare. 
Sessanta nonni soltanto. 
E che dire dei luoghi spettatori impassibili e fedeli del passato, testimoni che attendono solo di essere interrogati? Basta saper guardare e Cartagine diventa viva.Cesare e Annibbale  contemporanei nei nostri ricordi, uomini come noi che vivevano di pane, provavano desideri, assaporavano dolori, avevano bisogno di amici.

14/lug/2014

Diverse illusioni

Se dovessi parlare del mio stato d'animo in questo periodo potrei paragonarlo ad un libro, di quelli difficili da recensire, di quelli zeppi di tutto e scoordinati, scritti senza uno stile la cui  critica è fatta solo per evitare parole insulse o farraginose, direi è "un volume di 1000 pagine, difficile leggerlo fino alla fine".
Le mie giornate adesso cominciano all'alba ed ieri era l'ora del tramonto quando mi sono addormentata stanca nel fisico ed avvilita nel pensiero. 
Poi, nei primi minuti del nuovo giorno, mi sveglio e nel momento mediatico del dormiveglia, fra percezione o autocritica, con senso di colpa tengo sempre tutto e tutti sotto verifica.
E' un meccanismo strano, scavo fino in fondo, chiedo, leggo, spulcio il mio e l'altrui e le mie percezioni o sensazioni vengono sistematicamente confermate.
Potrei essere soddisfatta di questo mio non sbagliare, invece, è schiusa la porta verso la delusione per aver sperato diversamente, nel dispiacere di dover cambiare idea.

04/lug/2014

STREGHE

Streghe, era così il titolo di un libro della Gruber del 2008.
Non credo di avere molto in comune con la Strega Gruber, lei austriaca nell’anima, dura e decisa avvolta da femminilità dolce e gelida, io Strega Gingi araba e normanna, dolcemente pigra sempre persa dietro la bellezza, per nulla concreta, avevo raggiunto i miei traguardi con passione ed amore.Poi un uomo me li rubò.
Libere di decidere del proprio corpo, capaci di mantenersi, brave ad amare ma anche a stare da sole.
Così sono o vorrebbero essere le donne d’oggi. 
Le loro simili nel cinquecento venivano bruciate come streghe.
E trent’anni fa hanno invaso le piazze d’Italia proprio al grido “le streghe sono tornate” reclamando parità, divorzio aborto.
Oggi i roghi sono spenti e sono sfumati i riti dei cortei, ma ci sono ancora diritti da chiedere e non si è smosso quasi nulla nella mentalità del “maschio potere”, per cui una ragazza si stupra ed una donna matura si violenta psicologicamente, usando mezzi prepotenti ed illegali, e subiscono quella complicità maschile che le sciocche donne non posseggono nel loro DNA.
La strega a me più simpatica è l'ultima in ordine di tempo, Barbara Zdunk mandata al rogo nel 1811.
Barbara era polacca ed aveva quarantadue anni quando il suo villaggio fu devastato da un incendio gigantesco e fu accusata di aver causato il disastro oltre che, come migliaia di donne prima di lei, di essere posseduta dal demonio ed di avere oscuri e maligni poteri.
Oggi non interessa sapere se fu giustiziata per stregoneria o perché incendiaria, ma mi incuriosisce il suo stato civile: single e con un fidanzato molto più giovane.
Una strega moderna o una strega senza tempo?
Nel XVI secolo la caccia alle streghe fece circa 50.000 vittime , quelle ufficiali, ma probabilmente sono molte più del doppio, dato che gli atti dei processi finivano sul rogo, insieme alle condannate.
Uno dei grandi eccidi silenziosi della storia, una persecuzione dalla forte dimensione sessuale.
Secondo gli inquisitori le streghe avevano il potere di ammaliare gli uomini, di renderli pazzi d'amore o , al contrario, impotenti.
Erano sospettate di preparare pozioni magiche per abortire, di conoscere elisir per evitare gravidanze, e di fornire in gran segreto erbe contraccettive.
Le streghe di adesso che ce l'hanno fatta, da Rita Levi Montalcino a Rossana Rossanda o alla Litizzetto hanno storie di personali emancipazioni, sfide, lacrime, sacrifici e trionfi e di contro ci sono gli uomini che fanno da contrappunto con il timbro profondo del potere.
Chi sono le streghe di oggi, come si riconoscono?
Sono le donne indipendenti, che amano stare da sole che non chiedono e se frequentano lo fanno fra loro single e libere, insomma sono molte metropolitane di oggi.
Io mi sento una vera strega, capace di stare da sola e senza frequentare per mesi interi, libera nei pensieri nella mente, al di fuori da qualsiasi bisogno, anche materiale, e quando la mia libertà grida al mondo il suo esistere, parto, vado, vado lontano, non dai figli, non da parenti, ma attirata dal non conosciuto.
Alla strega Gingi è successo un fatto unico, per paura che lei incarni la donna libera, capace di decidere del proprio corpo, e di vivere senza bisogno di un uomo accanto? Fino al XIX secolo è stata la brutale eliminazione fisica a ricordare chi sono i padroni.
Oggi, ci sono altri metodi. Si fanno le ordinanze di sgombro ad una privata senza che ci siano sismi, frane o alluvioni.
E quelle donne che sono al potere, ad amministrare e deliberare, non hanno nessuna santa indignazione nel costatare violenze e soprusi ?
Sono la strega eccomi qua
mi hanno bruciata tanti anni fa
mi hanno bruciata i preti di allora
perché volevo decider da sola

Donne incontriamoci, insieme possiamo
cambiare la vita se ci organizziamo
i nostri problemi non son personali
ma sono tutti problemi sociali.

Anche adesso mi hanno bruciato, insieme alle mie cose... ma la strega ride ancora, perché si sta rialzando...
Parti liberamente attinte da Streghe di Lilli Gruber 




10/giu/2014

CONQUISTE?

Vettriano
Tempo tiranno tarpa i pensieri su questa
 poesia, ma so che può volare più alta, 
senza le mie parole.

Schiuma d'aquiloni è la traccia che resta.


Ho diviso la notte dal giorno,

ho creduto di poterlo tenere con me.

Ho gridato a tutto il mondo

la mia conquista.

Non era vero, l'altro da me mi ha beffato.

Doveva farlo e si è allontanato

alla nascita,

ora va e viene nel mio orizzonte

e non posso dire se sia mutato

e come.

Ansia talvolta, stupore sempre

ma l'amore non è finito:

è solo volato via per sfiorarmi,

sfigurarmi, per sconfiggermi

e tradirmi.

Gioca padrone con la libertà e la luce

poiché le comprende entrambe.

Qui sotto non sarebbe restato

a farsi maltrattare dal tempo.

A volte desidero che mi uccida

presto,

sono stanco di privarmi

del suo abbraccio.

Lo cerco con lo sguardo

lo intravedo mentre simula

indifferenza.

Mi dice d'attendere pochi istanti:

appena trent'anni, un lieve gesto di vita…

ride mentre lo dice.

L'amore è volato via. (E.R.)

08/giu/2014

Anche tempo di Domenica

Non rimpiango le persone che ho perso nel tempo ma il tempo che ho perso con le persone. (Jung)

Prova infinita

Foto Strega 7 giugno 2014


Quando la prova sarà terminata, riporrà il violoncello nella custodia e tornerà a casa in tassì, uno di quei tassì dal portabagagli grande, ed è possibile che stasera, dopo cena, apra la suite di Bach sul leggio, tragga un profondo respiro e sfiori con l’arco le corde perché la prima nota che nascerà possa consolarlo delle incorreggibili banalità del mondo…

José Saramago

05/mag/2014

foto Strega uno dei mostri del giardino
Per iniziare un semplice test. Quando canticchiate il vostro brano preferito, vi concentrate sulla melodia (a) o sulle parole (b)? Se un'amica vi chiede l'indirizzo di un locale, le disegnate una mini mappa (a) o le descrivete dettagliatamente il percorso (b)? Guardando un film, siete più incuriosite dallo sviluppo della trama (a) o dal ruolo e dalla recitazione degli attori (b)?
Oggi, in giro nel web, gente che litiga per ideali politici, destra, sinistra...e uno strano meccanismo, che considero normale mi ha portato a pensare al Ministero dell'Immigrazione Australiano, meticoloso nel valutare gli aspiranti al suo prezioso visto. 
Le domande sono una cinquantina che mirano a scoprire se nel nostro cervello sia dominante l'emisfero sinistro, sede delle capacità logico-razionali e guida della parte destra del corpo, o quello destro, culla delle emozioni e della creatività nonché governatore del nostro lato sinistro.
Naturale per me che da 30 giorni ho scoperto il mio lato sinistro, e l'incapacità di usare in maniera paritaria ed equilibrata il mio corpo, ma forse anche il mio cervello.
In modo che una volta rivelato il lato prevalente dovremmo pensare a stimolare il più debole dei due,per raggiungere ulteriori vantaggi.
In questo modo gli antipodi risulterebbero meno "agli antipodi" – la geografia è  scienza esatta più della neurologia – e lo straniero risulterebbe meno alieno.
 Perché in Australia le cose possono anche non avere un senso, ma un verso ce l'hanno sempre. E non è il nostro (destro).
Io non ho avuto la fortuna di imbattermi nella ricerca svizzera, ma sogno gli antipodi solo quella di inciampare, mi immagino ed invento il mio arrivo nel cartello “KEEP LEFT”, “State a sinistra”, sul pavimento (bagnato) dell'area Ritiro bagagli. E mi immagino....
Colpita dalla coincidenza, poi rivelatasi prassi, che la reception del residence dove alloggiavo fosse a sinistra dell'entrata - non a destra, come lassù nell'emisfero boreale.
Un invito a pensare (con l'emisfero destro), prima di muovermi. Sempre e solo a sinistra. Gli emisferi - del cervello, intendo - sono come muscoli: si possono allenare. 
Avessi avuto esperienza, di sicuro avrei evitato di gesticolare rinchiusa nell'auto, in pieno incrocio, ora di punta di Perth, paralizzando la forza lavoro cittadina che si domandava: chi di noi sta salutando? girerà a destra o a sinistra? le è finita la benzina o si è scaricata la batteria? Fatto esercizio mentale, avrei capito ed imparato che, con la guida a sinistra e la plancia comandi speculare, se cerchi le frecce trovi il tergicristallo, se vuoi il freno a mano impugni la leva dello schienale e, se ti serve il cambio, devi frugare nella tasca della portiera. Per questo, suppongo (con il mio emisfero sinistro), le auto in Australia hanno per lo più il cambio automatico: d'accordo stimolare la creatività, ma senza provocare ingorghi al traffico.  
E non illudetevi che, decidendo di andare a piedi o in bicicletta, si possa scampare al ribaltone, neurologico almeno. Marciapiedi, vie ciclabili, corsie per pattini e skate, percorsi di walking e di jogging, tutti soggiacciono alla dittatura sinistrorsa. Io non abituata, venuta in campagna ho dovuto restituire la car in affitto, poichè ignoravo capacità sinistroidi.
Camminare, pedalare o correre contromano ti porta, in caso di scontro, all'ammenda (equivalente a quella su strada) e alla gogna pubblica. E che umiliazione si deve provare al supermercato l'addetto alla sicurezza ti fa  voltare naso all'insù, verso le telecamere, per far rivedere, tra sguardi di riprovazione, l'intera corsa del carrello in mezzo agli scaffali. Corsa contro senso. Keep-left, ha articolato la guardia giurata, dimenando il suo braccio sinistro, temendo forse – dato lo stupore con il quale assistevo alla scena – che non conoscessi la differenza tra essere da una parte o dall'altra. Neanche non fossi italiana... E' vero che questi ultimi anni, ideologicamente parlando, mi hanno un po' disorientata e non saprei più ben definire cosa significhi la Destra o la Sinistra, ma possibile che la politica abbia ripercussioni sulla neurologia?
La Sinistra, in Australia, non ha preso possesso solo della strada, ma è entrata anche nelle case. Quante docce gelate o ustionanti mi sarei risparmiata se avessi saputo che, una volta passati all'opposizione, ne fai la tua filosofia di vita. Quindi, le chiavi girano nella toppa a destra, se vuoi entrare in casa, e a sinistra se vuoi uscire, ma i rubinetti si aprono ruotando la manopola a sinistra e si chiudono a destra. Non gioite sconsideratamente, come la sottoscritta, se vedete in bagno i miscelatori. Anche questi sono passati dall'altra parte: hot, caldo, non è in alto a destra, ma a sinistra.
Comunque, non è il caso di impazzire. Già in quindici giorni - assicurano i ricercatori svizzeri - l'emisfero sollecitato si plasma e, un po' alla volta, non si sembra più squilibrati a piede libero. Anch'io, forse più lentamente perché da italiana l'alternanza mi si era un po' arrugginita, ho iniziato dopo un certo tempo a non risentire più del sottosopra. Il sole, qui in Australia, brilla a mezzogiorno indicando il nord – però nasce sempre a est e tramonta immancabilmente a ovest. Il comune organizza corsi per i giovani graffittari, così potranno imbrattare tutte le superfici pubbliche che vorranno – purché si scelgano uno stile. Le code, ai buffet e alla posta, vanno sì in senso anti-orario, ma i dolci sono comunque alla fine. Al termine dell'anno scolastico il preside non tiene discorsi ma pranzi con gli alunni nel suo ufficio, perché le critiche in convivio sono più sincere – tuttavia, giusta osservazione non fa media. A marzo inizia l'autunno e a settembre la primavera, però vento e pioggia non fanno differenza. Ad atletica e a basket almeno una lezione al mese si fa con i disabili, sedendosi in carrozzella, per imparare a usare la testa oltre che le gambe – ma i record personali contano, e te li affiggono ogni volta sulla maglietta. Dal sud arriva la bora gelida, dal nord il caldo africano, eppure il torcicollo me lo sono preso comunque, verso destra e verso sinistra, per un classico della par condicio.
E MI CHIEDO QUALE DEI DUE EMISFERI HA IL PRIMATO SUL MIO STATO.