onde sonore





29 ago 2012

Ciao Marco

Non sempre è giusto cedere al fascinoso luogo comune secondo il quale chi muore giovane è "caro agli Dei", e ricordando "la forza del carattere" e la grandezza che essa, che con gli anni ed il durare, può raggiungere.
Guardo, come la chiamano qui, "a petra 'menzu u mari" e un sordo dolore da giorni non si placa.
I valori universali, quelli che non hanno latitudini e tempo, la morale, il rispetto, la giustizia... si la giustizia, perchè quello che ci sembra un luogo comune quella logica divina è sempre più lontana...
Guardo la pietra e penso...quanto può influire la leggerezza di chi è capace, sicuro, di chi ha forza e gioventù e non pensa mai alla fine...?
E perchè per una serie di coincidenze  il "caro agli dei" miracola chi dura da molto, e da troppo tempo la sua vita è di peso, il suo corpo è mortificato da mille impotenze.... o, ancora peggio, vive nella solitudine affettiva....
Bimbo, gridavo..."forza ! uscite ! siete in acqua da tre ore" e mentre il mio borbottava lui sorrideva ed ubbidiva.
Poi gli anni, mille esperienze ed intere giornate alla pietra, alle isole con il mio ramo...
Ultimo incontro, anni fa,  tanta simpatia ed ironia... abbraccio un altro Marco, mi chiede del viaggio e quando ero arrivata dal mio Matteo, ed una voce conosciuta, simpatica mi dice "ehh certo! hahaha io non ho gli occhi azzurri come loro e non mi abbraccia...non sono Mister Lido come lui"...
ma si ricorda di me?....
foto mia,  dalla camera dove dormo..
E come posso scordare anni di allegre compagnie... di ragazzi che giravano per casa, e l'affetto che lega me alle vere amcizie di mio figlio....
Ciao Marco il lutto cittadino e il silenzio di tutti i locali chiusi ti hanno salutato con un assordante e doloroso silenzio.