StregaBugiarda

Strega perchè ho subito l'incantesimo di una fatata gioventù, bugiarda perchè la realtà è spesso assurda e paradossale e la bugia è più verosimile.

18 giu 2012

Perchè si apre un blog?

Anni fa senza sapere nulla di blog e blogger, senza mai averne seguito alcuno, non so come, sono arrivata qui. Non sapevo su cosa indirizzare il blog, ma ho mille interessi, amo tutto, e ero spinta da entusiasmo e curiosità uniti a voglia di smanettare per imparare e mettermi alla prova.
Scrivo quando ne ho voglia ,( ma faccio tutto quando ne ho voglia), senza un programma. Andando in giro per il web, gli in-put sono moltissimi, ed ho in testa argomenti anche da un anno, poi improvvisamente un pensiero un ricordo  mi impongono con impellenza ed di getto di fissare quel concetto, quel ricordo.
Scrivo senza alcun fine, ne di riscontro, ne di ascese di vario tipo, non sapevo e ancora non so  e non capisco il perchè si chiude, si  apre,  si dissente, si dice di cercare condivisioni in un leale raffronto salvo poi cadere in crisi per un dissenso. 
Sono stata latitante per lunghi periodi, non mi sono mai scusata per assenze o per non aver risposto a commenti ricevuti, l'ho fatto ed ho a mia volta commentato solo se sentivo di farlo, senza impegno senza coercizioni, senza regole di un ipocrito bon-ton del web.
Ed ieri sera, dopo aver letto sofismi su sofismi su apparenti libertà e decisive discriminazioni, pensavo come tutto è soggettivo, come la visione di una cosa non è solo diversa nel "marginale" in ciascuno di noi , ma addirittura opposta anche nell'essenziale.
E' quasi mezzogiorno, sono ingolfata nella stanza delle vergogne, chi mi aiuta ha bisogno della mia presenza, ma rientro presto, per vedere con altri occhi quello che per molti sarebbe normalità.



6 commenti:

  1. Difficile commentare questo tuo post, talmente aperto e sincero. Nulla da dire, prendo atto delle tue motivazioni e concordo sul concetto che si cade o si può cadere in crisi per un dissenso.
    Ma non credo che si scriva solo per se stessi "senza fine di riscontro", perché allora si terrebbe il proprio scritto in un cassetto e non lo si pubblicherebbe su un blog aperto a tutti.

    RispondiElimina
  2. Ambra cara, sono una persona aperta e la sincerità fa parte dell'indole.
    La bugia è altra cosa, essa è soggettiva rispetto ai fatti legata a ricordi a immagini, che purtroppo non si recepiscono in egual modo e che nel tempo si modificano.
    Io penso invece che scrivere è un bisogno nostro, interiore, come un momento catartico, si da a prescindere dagli altri, ma non per gli altri.
    Se poi arrivano consesi o gratificazioni fa sempre piacere, scrivo e leggo la sera a letto, ed ho cassetti pieni di aoppunti commenti, ma al pc è diverso, anche creare il blog, fare le foto, scannerizzarle, è come giocare, a me intriga, mi piace smanettare, per esempio ho messo un po di musica, hahaha ma sono stata tre giorni nel sito ed ho fatto decine di playlist...
    Adoro questo elettrodomestico, che mi fa compagnia, mi ha permesso magnifiche conoscenze, il pubblicare credimi, è al tempo stesso importante e marginale.
    uffa quanto parlo!!!
    un sorriso
    Ps. ma poi hai ricevuto da seneca la mia mail?

    RispondiElimina
  3. Gingi personalmente ho aperto un blog per condividere una parte di me con persone sconosciute ma che in poco tempo sono diventate amiche ma anche con alcune eccezioni....chi si professava amica e poi si è rivelata solo "amica per interesse"...ma che vuoi fare la vita è così
    Ma non importa tutto ci aiuta a maturare e capire
    Un abbraccio e grazie per averti incrociato sul cammino....a presto!

    RispondiElimina
  4. Simona cara, il web non fa differenza con le dinamiche dei rapporti della vita reale. Non dobbiamo dimenticare che dietro ad ogni monitor vi è una persona, e che solo il mezzo è virtuale. Le tue considerazioni vanno sempre al centro della questione, e per me è un piacere sapere che fra le conoscenze virtuali ci sia anche tu, ci conosceremo un giorno de visu?
    Un sorriso e un boheur
    Gingi

    RispondiElimina
  5. Mi ritrovo in larga parte in quello che hai scritto.

    RispondiElimina