StregaBugiarda

Strega perchè ho subito l'incantesimo di una fatata gioventù, bugiarda perchè la realtà è spesso assurda e paradossale e la bugia è più verosimile.

13 mag 2012

SONATA AMOROSA PER DIAVOLI SOLI


Cominciano i caldi pomeriggi assolati e silenziosi, il mare è una tavola e le isole si confondono con il celeste del cielo, io mi sento languidamente pigra e comincio fin da adesso a preparare il mio spirito per l'uscita di questa sera, vado a cena con una amica e il figlio.
Ero ragazzina quattordici , quindici anni, amica di una signora che mi affascinava, lei veniva dal "continente" era stata la prima ballerina dell'Operà di Roma, si era innamorata ed aveva sposato un nobiluomo del luogo, figlio di amici di famiglia. 
Le coetanee e la gente del posto non mi davano stimoli,  lei parlava di mondi magici, di una Roma della Dolce vita, parlava di moda, era amica di un mito : il primo couturier di allora Roberto Capucci, che un'estate ci fece l'onore della sua compagnia.
Insomma aveva interessi e modi lontani dall'ambiente di provincia, dove il giornalaio sconosceva anche il Vogue, ed io, emulando lei, mi abbonai.
In salotto, i suoi due bimbi sul tappeto a giocare ed io e lei, a  parlare.... parlare.... parlare.
Gaetano era un bimbetto ed io una signorinella, poco da dirci,  anzi nulla. 
Poi la vita mi ha portato lontano, l'università, il lavoro e con la madre tanti contatti e pochi incontri.
Non abitavo più qui, ma non mancavano di invitarmi ad ogni evento, anche se ero a Milano qualcuno chiamava e mi diceva, dai prendi un aereo e stasera sei dei nostri.
Il primo ricordo che ho di Gaetano non più bimbo è quello di una terrazza in una vecchia villa dell'800, sotto di noi la cittadina, con un panorama mozzafiato sul Capo, le isole, e le luci lontane e mentre parlavo un ragazzo magro alto, bruno, abbronsatissimo, veramente bello, aspettava che finissi per abbracciarmi con tanto affetto.
Chi sei? Sono Gaetano, mi sono laureato e abito a Roma, a si la bella villa di mamma , no  li ci sta sempre Corrado ( Il presentatore), io sto......
Adesso abitiamo entrambi qui, lui in una vecchia villa di famiglia che da nome alla contrada ed è il perfetto elegantissimo gentiluomo di campagna.
Ha pubblicato il romanzo storico " Il passeggero del brigantino inglese" e con il racconto inedito Il Marsala di Nelson, ha vinto il premio letterario Carlo Pellegrino 2001.
Adesso è tardi e al ritorno  voglio scrivere della SONATA AMOROSA PER DIAVOLI SOLI, edito nel 2008, di cui ho due copie,  lo ho costretto a regalarmi la seconda poichè la dedica fatta nella prima era troppo scherzereccia... dato che gli oggetti hanno percorsi sconosciuti ai posteri.

17 commenti:

  1. La tua vita costellata di tanti incontri, tante
    esperienze, tanta conoscenza e tanti ricordi mi fa quasi invidia.
    Buona serata.
    Ciao
    Loretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loretta cara, nessuno è degno del sentimento di invidia, da parte di chi si stima, e si vuole bene.
      Tu sei una signora che regala emozioni attraverso le tue foto e i tuoi interessi...hahaha non puoi invidiare nessuno!!
      un sorriso ed un abbraccio.

      Elimina
  2. Ogni volta che leggo un tuo post mi immergo in un mondo irreale e coinvolgente. Lo so, tu questa vita l'hai vissuta, goduta... e io voglio assaporarla nel sogno.
    Ti voglio bene, Gingi. Davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sonia cara, anche io ti voglio bene, ed avendo letto il tuo tenero libro, ho colto di te tante magnifiche sfumature.
      C'è posto in locanda? vengo almeno per una pralina e un ratafià?
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Tracce di romanzo, in cui si parla di altri romanzi, all'insegna di una classe che ho ravvisato in tanta letteratura e in molta produzione cine atrofica, incentrate sulla Sicilia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono racconti e come diceva un grande oggi, in conferenza dal salone del libro...il racconto per lo scrittore è naturale come il respiro. credo che di romanzi non atrofici,non incentrati ma siciliani doc, ve ne siano una copiosissima produzione.
      Adriamo un sorriso

      Elimina
    2. Scusa, ma vedo solo ora il mio refuso (mi capita spesso se scrivo con l'iPad): intendevo produzione cinematografica. :)

      Elimina
  4. Se rilegassi tutti questi tuoi post, ne facessi una serie di "novelle" e li pubblicassi, ti dovrei i diritti??? :-)))))
    Adoro leggerti !!!!
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora sono pochi rispetto a quanti racconti ed aneddoti, tutti rigorosamente veri, debbo inserire nel blog.
      .Ma tu, hahaha così pragmatica, volitiva, e con tanta autostima, non prenderesti neanche una virgola, nè da me nè da giganti dello crivere.
      Grazie, il tuo è un vezzo per un complimento, ed io lo accetto e mi da tanto piacere.
      Amica mia ti abbraccio forte forte

      Elimina
  5. Sono talmente di corsa che non riesco a leggere nulla. Però almeno un saluto te lo voglio lasciare.

    RispondiElimina
  6. I tuoi post sono intrecci sapienti di ricordi poesia e storia.
    Ed i miei commenti inadeguati,ma intanto ti lascio un cordialissimo saluto.
    Ciao Gingi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chicchina, non sai quanto mi sento io inadeguata, quante cose vorrei sapere..e sento che ho sempre meno tempo
      Una buona notte.

      Elimina
  7. Racconto intenso che ho apprezzato molto.

    Complimenti, scrittrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahah grazie per la scrittrice, ma proprio stasera un bravissimo blogger mi ha detto che i conceti sono validi ma che non scrivo bene.
      utto è soggettivo come vedi.
      Un sorriso

      Elimina
  8. Risposte
    1. Be Giancarlo, quando li raggruppate e pubblicate fatemelo sapere ^_*

      Elimina