StregaBugiarda

Strega perchè ho subito l'incantesimo di una fatata gioventù, bugiarda perchè la realtà è spesso assurda e paradossale e la bugia è più verosimile.

25 lug 2008

Cuore in mano


Guardo indietro, e vedo quanto ero decisa in tutto, bastava un "così va bene...ma " ed quel ma, diventava regola per non comprare, non vendere, per cambiare progetto o programma 0 per non dare alcuna possibilità al ragazzotto che mi corteggiava.



Ora, regole non ne ho più... e vivo in continuo scollamento fra quello che è il mio modo di fare e ciò che credevo avere in armoia con la mia natura.
Nei rapporti con l'altro sesso, con l'uomo, avete mai avuto quella senzazione di destino, di segnali che vi portano a ... cambiare le decisioni prese? andare al di là dell'ottimo proposito che vi eravate prefissate e cioè quello di non chiamarlo più, per lui, per i suoi sentimenti, mica per voi!
A volte capitano allontanamenti tra due persone che hanno condiviso sane storie d'amore, finite perchè spesso non si parla la stessa lingua. Allontanati , perchè qualcun'altro è sembrato migliore, e avvegono distacchi tanto da covincervi che "è meglio così"!
Poi succede che , un po' come per un acquisto non fatto, (pensate sempre "a quelle scarpe" che non avete avuto il corraggio di comprare e fare una piccola follia), capita che vi perseguita, il pensiero di un sms, e scrivete "ciao, come stai?", che va sempre bene, che dice molte cose, senza troppo sbilanciarsi, ma lo cancellate e non lo spedite. Allora, a sopperire questo tarlo che perseguita, entra in gioco il destino coi suoi segni.. con strane percezioni, tutto sembra voler gridare il suo nome, tutto in qualche strano modo vi riconduce a lui, la vostra canzone , alla tv i protagonisti hanno il vostro nome, insomma tutto suggerisce di chiamarlo, non perchè lo volete voi, ma perchè ai segni, o meglio "segnali", non si può dire di no.
E come dice Giovanotti "io ti cercherò negli occhi delle donne che per strada incontrerò e dentro quegli sguardi mi ricorderò di noi......chissà se si chiamava amore???" vi sembrerà di incontrarlo e riconoscerlo mille volte vedendolo avunque fra la gente.
Questo è quello che può succedere quando si prendono decisioni, o si subiscono
La consapevolezza di avere il cosidetto coltello dalla parte del manico, invece, in una relazione è appagante, e sapere che nella coppia (come dice il saggio ???) c'è sempre uno dei due che ama di più, e che puntualmente la prende in .... quel posto, è rassicurante!!. La donna che si riduce a pezza da piedi non fa notizia. Noi romantiche per eccelleza, noi amanti dell'amore, noi sognatrici di intrepidi principi azzurri, cresciute a Candy Candy e Gerogie abbiamo capito che se vogliamo avere successo in amore, l'uomo ce lo dobbiamo guadagnare, ci dobbiamo sudare le sue attenzioni, e dobbiamo talvolta lasciarlo andare a quella piu figa, più nobile, più chic di noi, sapendo che la sofferenza è parte integrante di una relazione piena e appassionata. Ecco, quando ci intestardiamo su qualcuno per cui valiamo meno di niente, siamo drogate e in pieno disuso delle nostre facoltà mentali, e l'amore ci rincoglionisce. Ma oggi, sono già attive quelle a cui sono cresciuti gli attributi, perchè dopo anni in cucina alle dipendenze maschili si sono un po' rotte .... ed hanno scoperto di possedere una "macchinetta" capace di creare dipendenza e sono diventate donne con tanta voglia di rivalsa; così mandano a quel paese ... chi le vuole ammansire e pur sentendosi autorizzate a portare pantaloni pretendono regali, comportamenti ligi e devozione assoluta.
Sanno tenere un uomo nelle mani, convinte che un po' di sofferenza fa bene anche ai maschi che sembra siano i nuovi zerbini!! E non si lamentano, conoscono le regole del gioco, oggi le paturnie del "perchè non mi chiami perchè non mi hai mandato l'sms della buona notte ...." non si sognano nemmeno di farle, sapendo perfettamente, che se pur presi da inzerbinamento, i maschi sono sempre dei grandissimi mentitori, ed antropologicamente poligami (anche se, oramai, solo mentalmente!!) così pur facendosi perfettamente i conti dei messaggi, e sapendo cosa costano telefonate non diranno mai, " come finito la disponibilità dei messaggi se con tot sono 100 e 20 li hai mandati a me gli altri 80 che fine hanno fatto ecc ecc..." loro preferirebbero dire enormi cavolate sulle tariffe...., e godono a farsi pestare da tacchi 12. Non è più il mio caso, ma belle amiche, i maschi ( uomini niente più da un pezzo, sono razza in estinzione!) sono finalmente adepti alla sofferenza per amore, stanno riscoprendo cosa significa essere l'elemento debole della coppia e a noi tutto ciò preoccupa..! Dopottutto "più li tratti male più questi si innamorano" ne abbiamo fatto teoria portante di vita, quindi care mie non fatevi troppi scrupoli e a questi uomini date l'importanza che dareste ad un ........ rotto, vedrete che camminerete con il loro cuore tra le mani!

23 lug 2008

Condivisione


E' l'alba, e sono stranamenre sveglia, e il guaio che non è la prima mattina, mi capita da quando ho cominciato un cammino virtuale, un cammino che sto facendo da sola, e mi sento tanto come le ragazzine. Sono vecchietta e sono un capricorno, per cui volente o nolente, lenta e tarda nel raggiungimento di tutto, sto provando adesso quello che un secolo fa provavano le mie compagne di scuola, tutte molto sfigate in amore, che erano sempre innamorate e fidanzate, ma lo sapevano solo loro, il partner ne era completamente allo scuro. Io invece, allora fortunella.... non capivo.
Ho vissuto una strana vita, strana ? no no unica !! poichè da un lato, piena di grandi esperienze lavorative, e dall'altro la ragazza che ha finito di vivere a 20 anni.
Un mio amico, un VIP doc, finito sulla TRECCANI per l'importanza e la genialità dei sui lavori nella finanza, uno che quando apre bocca anche le battute sono da pesare, dice che ho una mente da genio, con un coportamento infantile.


Intanto andiamo alla condivisione e ripensiamo alle mie compagne di classe.


INTERESSI COMUNI ? Si ecco, noi in fin dei conti siamo come i bocciati in quinta superiore, a un passo dal traguardo. Anche se i conti non ci tornano, non è l'aritmentica la materia in cui siamo insufficienti, ma , haimé "l'ITALIANO", poichè risulta evidente una difficile "comprensione" e dopo un'attenta analisi abbiamo capito, a stento (ricordatevi che siamo pur sempre delle donne tinte), che abbiamo delle grosse lacune in amore.
Si, nonostante Via col vento ci abbia insegnato a tirarcela, nonostante Pretty Woman ci abbia invogliato a seguire la strada della prostituzione, nonostante Romeo e Giulietta ci abbia fatto capire che il grande amore per carità è bellissimo, ma che se ti metti con Di Caprio, che sia in calzamaglia o che sia sopra una nave, rischi di trovarti vedova, a noi prima o poi ci arriva sempre una puntata di dieci minuti di Beautiful a scombussolarci le idee.
Si perchè siamo costrette ad ammettere che ci sfugge il segreto della durata di coppia, e mica tanto gli episodi successivi al primo anno di convivenza, ma sono proprio le basi, l'inizio, e più precisamente il CHI, quello a cui rivolgerci, che non ci entra in testa. Una corrente di pensiero vuole che la coppia, per avere tra le mani l'elisir di lunga vita, debba condividere interessi comuni, obbiettivi comuni, antipatie comuni, passioni e scazzi comuni.
Come dire che se a lui piace la pasta fatta in casa, lei dovrebbe essere amante di quelle domeniche vissute alle 6 del mattino con le mani infarinate, che se a lui piace trascorrere le vacanze in montagna nell'andar per viottoli in cerca di funghi, lei sia grande esperta di "t'ammazzo la vipera col bastone", che se lui vive da sempre con la passione per il karaoke, lei sia un'ugola d'oro del microfono. Tutto ciò perchè la condivisione di amici, parenti, insalate, calzini, favorisce lo stare assieme senza inutili incomprensioni possibili di sfociare in liti funeste.
Ma un'altra corrente di pensiero non è proprio amante di Daniele Silvestri e della sua "Le cose che abbiamo in comune", convinta che "quando io rido, tu ridi, quando io dormo, tu dormi, quando io parlo, tu parli" sia in effetti una gran rottura di palle, ops per noi donne tonsille!
 e non è detto che lo scambio reciproco di interessi possa arricchire entrambe le persone. E che si, insomma, l'amore è anche un po' "compromessi/rinunce" per cui se lei è una shopping dipendente , sia giusto che ogni tanto lui metta via le sue paturnie e che "per amore" segua con il sorriso la sua donna nello shopping ! Così pure lei ogni tanto dovrà rinunciare al tacco, per seguire il suo uomo in knickers! Inoltre a differenza dell'attaccatura morbosa della coppia dagli interessi comuni, il secondo tipo di coppia può permettersi alcuni svaghi non condivisi in libertà, si insomma il partner ogni tanto può pur starsene a casa sua, per fare onore a quei momenti di solitudine, quelle libertà, che per quanto poco ogni tanto ci vogliono! Quindi ora per noi donne single che sia meglio sperare di trovare il principe azzurro iscrivendoci a tutti i corsi di nostro interesse, che so, tra due passi di salsa e merengue e un punto corce, o che sia più opportuno lasciar perdere tutto e affidarci al detto " l'amore quando arriva arriva", e com'è è, vederlo come manna dal cielo pure se non è per nulla quello che sognavamo.


E noi donne obbiettive, single per scelta, capaci di discernimenti, dobbiamo sempre pensare che in amore, vince e "condivide" chi, si appoggia all'amica, per il primo passo, chi sa portare in tavola come primo ed piatto speciale quello che invece è una minestra riscaldata, chi da buona gatta , i problemi della farina e dello shopping non li nomina mai, ma li risolve fra ..."mici", ed è soggetta a forti mal di schiena prima di impugnare un bastone ed andare .... ottenendo così anche le coccole e le attenzioni dovute ad una malatina che deve privarsi della sua "adorata" passeggiata fra i boschi. °_*.


Così, single per scelta, è gradevole attendere chi "quando arriva arriva" per quel bisogno di compagnia, che però senza nulla avere in comune con le scuole di pensiero summenzionate, tale è bene resti, bello come la parola "desiderio" che purtroppo è bisticciata con condivisione, e l'ITALIANO non lo capisce!!