StregaBugiarda

Strega perchè ho subito l'incantesimo di una fatata gioventù, bugiarda perchè la realtà è spesso assurda e paradossale e la bugia è più verosimile.

09 nov 2007

Il vino


Come al solito, arriva l'ora del pasto, e ora che sono padrona del mio tempo, quasi come una cerimonia, preparo, con gesti sempre uguali, e nobilitando la tavola con oggetti superflui, ma belli.

E' lontano il tempo, in cui mille impegni, mi obbligavano alla scelta del pratico, rubando alla mia anima il bello che dovevo barattare con l'utilità.

Non ho più la possibilità di grandi vini, ma adesso ho la ricchezza di godere e gioire del poco che ho, e ho il piacere di pensare ed essere "presente" sempre. Questa sera pensavo al vino , ho sempre detto che ( ma è un concetto che ho letto da ragazza da qualche parte) il mangiare è un bisogno del corpo ma il bere è un piacere dell'anima.

Si... un piacere antico quanto l'uomo.

Bere vino corrisponde prima che ad un bisogno, ad un desiderio edonistico, è una fortissima spinta al superamento dei limiti sensoriali.

Saper bere è saper vivere

Nell'accostarsi ad una bottiglia entrano in gioco l'eleganza del gesto,la moderazione nel consumo, la cultura nella scelta, la personalizzazione del gusto.

Esattamente come si fa con un "oggetto del desiderio".

Il vino richiama la natura, stimola immagini di aristocrazia rurale, diventa veicolo di scoperta delle nostre radici....

Mio compagno di oggi...chi sei? spesso sei plasmato, ibridato, da te si vuole un gusto, un profumo, una corposità.... e vieni "creato".

Si pensa al tuo abito, al tuo nome, e sempre più frequentemente si decide a chi e a quanti sarai concesso.

.....ma c'è sempre chi beve per tirare avanti....e chi per vivere meglio.

L'immagine di questo mio pensiero...sostituisce la parole, i simboli possono parlare .....

1 commento:

  1. Il mangiare è un bisogno del corpo ma il bere è un piacere dell'anima... mi piace questa frase :^D
    ...e mi piace questo posto dedicato al vino.
    Smaccckkkkk!

    RispondiElimina