Più si apprezza la vita e più si restituisce

11 ago 2017

T U T T E BALLE ma quale V I R T U A L E

Stamani, dopo parecchi giorni di internet, mare e letture, stimolata da queste ultime sono andata a curiosare nel mio blog, era il lontanissimo  (almeno per i tempi virtuali ) 2007, ed  ho ripescato un post, che ancora in parte condivido, e pensare che credevo essere lontana dai pensieri di allora!
Comunque sicuramente lontana dalla comunità, scrivevo, non ne facevo partecipe nessuno, non andavo in giro per l'etere, e se un complimento o un commento arrivava, con esso arrivava anche la meraviglia. (parola che in se include il sentimento che suscita e allo stesso tempo il soastantivo della cosa meravigliosa).


T U T T E BALLE ma quale V I R T U A L E

Mi sembra che dall'ultima volta che ho scritto sia passata un'era geologica.... ed io sia appena uscita dalla giurassica, senza essere stata capace di trascinare con me ...nessuno.
Avevo scritto che questo mezzo, è come le scatole cinesi... ti permette di curiosare all'infinito e illuderti di aprire questi pacchi, scartandoli come regali, e pretendere di trovarci una gradita sorpresa.
Invece,sono caduta nella rete dell'illusione della compagnia, del confronto, della sincerità, poichè pensavo che "assenza della presenza",rendesse facile essere se stessi.
Ma che dico?? Siamo "se stessi" e siamo al 100% lo specchio della realtà.
Bisognerebbe cominciare a parlare di deontologia dell'etere, perchè ci troviamo davanti a professionisti che usano questo mezzo, (nato per le aziende le banche gli uffici),per millantare ciò che vorrebbero essere e non sono, per sognare delle amicizie che non hanno, per evadere da quelle famiglie dove non hanno saputo costruire empatia, tenerezza, complicità, interessi di anni trascorsi insieme. O,peggio ancora, ci troviamo davanti alla pochezza e alla mediocrità di una società che convinta dell'anonimato del pc, pensa di poter essere scortese, giudicante,palesemente ignorante, volgare, arrogante, prevenuta, solo perchè crede di non perdere "la faccia".


In effetti, i concetti sono gli stessi, ma a ben guardare oggi manca la rabbia di allora (sarà stato il mese al Lama Tzong Khapa) ed ho imparato sia nello scrivere che nel parlare ad usare pochissimi aggettivi.
Ho tolto dal mio vocabolario la parola "tollerare" che implica l'accettazione buonistica di qualcosa che non ti piace, non condividi, sostituità da comprensione, che è accettazione anche del diverso, senza avere l'ipocrisia di un perbenismo tollerante 

13 commenti:

  1. perchè uno usi internet non è mai dato per scontato e non è mai detto sia l'inizio di una storia d'azienda, o la parte finale dell'azienda (il cliente).
    Quando arrivò internet in azienda, da noi, il primo utilizzo che se ne fece fu per inviare documenti senza più carta. Mandò in pensione il fax, salvo poi richiamarlo quando si scopri che tutti potevano leggere tutto. L'utilizzo più grande che se ne faceva era per comunicare, poi venne il resto, bolle, fatturazione immediata, scorte di magazzino sotto gli occhi di tutti ecc.
    Oggi l'impiego maggiore che se ne fa. Pare sia nell'ordine, scaricare musica, film porno, film in genere e in forte ascesa i giochi.
    Se penso alla comunicazione, internet mi pare più che altro isoli, ma da la possibilità, per certo, di incontrare modem e poco quelli che ci sono dietro ... credo salvo reali interessi fortemente comuni.
    Essere da qualche parte sulla rete non necessariamente vuol dire esserci per gli altri o per incontrare altri.

    RispondiElimina
  2. Visto che oggi Mario è serissimo e io , lavorando in casa , ogni tanto faccio capolino, mi aggrego a quello che dice , forse è un'illusione esserci per gli altri , eppure io ho già incontrato un'altra blogger, con cui ci siamo ritrovate quasi come vecchie amiche, dedicandoci una giornata intera con impegno . Di sicuro finora è servito a me come ripostiglio dei pensieri , che quando si scrivono si chiariscono ,e poi, chissà se ho fatto bene, mi sono affezionata realmente, come se li conoscessi , ad altri blogger , fra cui Mario. Vediamo dove ci porta questa strada , che dipende tanto dalle persone che la calpestano ..

    RispondiElimina
  3. Un passaggio veloce per dirti che se mi rubi l'idea dei pomelli per i mobili non mi dispiace...anzi conto di vedere presto il risultato :).
    Debora

    RispondiElimina
  4. Deboraaaaaa carissima, sono ancora lontana da casa, dai primi di maggio ed adesso sento l'urgenza di rientrare... infatti 25 gg fa ero appena arrivata e non avevo neanche svuotato valige e fatto il cambio di stagione...che sono scappata... per uno sciame sismico... che ci ha molto preoccupati nella zona.
    Conto settimana entrante di essere a casa, sistemare pergole e terrazzo...per l'arrivo dei miei rami...e accucciarmi nella postazione estiva..riprendere tutti i lavoretti..ed iniziarne altri!!
    Farò un post "i pomelli di cuor d'antan..." va bene?
    Un bacione

    RispondiElimina
  5. Mariolino, certo giustissimo,quello che dici, e il mio pensiero di allora non è in contrasto con il tuo dire. Quello di cui parlo io è la compagnia, che ho trovato in internet, attraverso letture, viaggi foto, musica, c'è stato il periodo in cui www.myspace.com/stregabugiarda trascorreva nottate insieme a poeti e musicisti...ho appreso tanto e qualcuno è anche amico/a reale, Non cercavo chi mi seguisse, nè lo consideravo un mezzo per incontrare altri, la mia lamentela di allora derivava dal fatto che non avevo ancora capito che è come nella vita reale o meglio non avevo ancora deposto la rabbia verso comportamenti che mi indignano nella realtà come nei rapporti virtuali.
    Uffa mi fai diventare seria..ed io sono scherzereccia.
    Un sorriso

    RispondiElimina
  6. Vitamina, mi è d'obbligo risponderti, ci sono molti messaggi che attendono un riscontro, e non mi soddisfa la fretta di uno o il riempire una postazione di Stregal'altro.
    A questo commento dovrebbe rispondere Mariolino a cui è indirizzato,ma per quell'eleganza di comportamento che mi piace perseguire, ci tengo a dirti che ho conosciuto persone stupende, che ho ospitato a casa, e presso le quali sono anche stata ospitata, anche durante le feste, che rendono ancora più triste la solitudine, e con tutti, proprio con tutti, un conoscersi atavico, una corrispondenza di pensiero... e una comprensione rara da trovare fra amici e parenti.
    Un sorriso in cammino

    RispondiElimina
  7. TESORAAAAAAAAAAAAA

    Adoro la tua goliardia!!!

    Anche io non mi prendo MAI e dico MAI seriamente...aborro la seriosità...se lo faccio poi mi divento antipatica!

    Sai tesoro che NI...perchè sono anche "smemorina"...poi mi imparerai a conoscere ;o)...aveva omesso di passare a leggere la risposta???

    Spero perdonerai la mia letargia cronica...non è questione di bradipia, è proprio lentezza nel fare...ed io purtroppo ho sempre TROOOOOOOOOOOPPO da fare...eventi ad esempio! ;o(

    Per il post...la pesno proprio COME TE!!!

    Non necessariamente si deve PER FORZA trovare chissà chi o chissà cosa...ma come te convengo che alcune persone online, siano meglio di parenti!!!

    Decisamente!

    Bacissimi streghetta! ;o)

    Smuack...NI

    RispondiElimina
  8. Ciao! Forse è vero quel che dici: sul web è più facile immaginarsi amicizie mai esistite, e immaginarle proprio come vuoi tu, perchè sono circoscritte entro i limiti ben arginabili dei minuti passati in rete, e puoi spegnerle e poi riaccenderle all'occorrenza, anche restando in mutande in casa come io oggi, nella pausa di una ninna della pupa. Amicizie tascabili. Però però... forse sono ancora nella fase dell'entusiasmo per la scoperta di un mezzo che per me, ancor più giurassica forse, per indole più che per anagrafica, è ancora una novità, e come nella vita faccio con le mie amicizie, non amplio il mio ventaglio di contatti più di quanto non mi basti per trovare quei pochi che sento (a torto o a ragione?) come spiriti affini, e coltivo quelli, soprattutto. Ci sono momenti in cui uno ha bisogno anche di questo, confrontarsi con cautela per quel tanto che sei disposto a mettere in gioco, eppure sentirti compreso e accettato per quel che racconti di te.Ho gradito molto il tuo intervento da me. e ci mancherebbe pure che uno fosse d'accordo su tutto!

    RispondiElimina
  9. Ma comunque... posso inserirti tra i miei contatti? neanche a me piace l'arroganza internautica, la trovo svilente.

    RispondiElimina
  10. Suster, io ti ho già inserita... e non lo trovo arrogante.
    Se siamo qui è per curiosare, per scoprire leggere, senza le oppressioni di titoli propinati da grandi gruppi e dobbiamo essere aperti a nuove amicizie e nuovi contatti.
    Pensa sempre che dietro un monitor vi è una persona, una persona reale, di virtuale c'è solo questo magnifico elettrodomestico.
    Una mia amica, Maria Rita Bovi, che ha scritto Rospi in Chat, dovrebbe essere letta da tutti, lei è una pioniera del web anche se come me oramai abbiamo superato le conoscenze attraverso la chatt.
    Conoscersi qui significa non avere coinvolgimenti, se non quelli della mente, e basta far funzionare la ragione
    Una buona serata una gioiosa domenica
    Un sorriso in cammino

    RispondiElimina
  11. Ciao, interessante il tuo pensiero e mi piace la tua coerenza anche dopo anni di esperienza.
    Io credo che le amicizie e le relazioni su internet siao un po' simili a quelle della vita: non ci si può illudere che siano tantissime e che possano aiutarci a superare la nostra profonda solitudine. In rete puoi fare conoscenze ed anche notevolmente approfondirle, puoi essere accomunato da interessi e passioni, confrontarti su ciò che hai a cuore, evadere dalla realtà, sognare... ma la vita ti chiama e ti interroga altrove.
    Essere mascherati da un pc aiuta a liberarsi ma purtroppo anche a nascondersi e questo, comunque, come accade sempre nella vita. Ne ho incontrate di maschere?
    Volevo dirti che la tolleranza non ha solo questo significato negativo. E' rispetto innanzitutto e disponibilità all'aiuto.
    Tollerare significa come portare un peso, il peso dell'altro che non è come me. Se lo porto con amore e spontaneità, come se fosse un dono la fatica è lieve, se lo faccio brontolando e lamentandomi... sì ho accettato ma sarà sempre un gravosissimo peso inutile.
    ciao buona domenica e grazie per queste riflessioni

    RispondiElimina
  12. Condivido il Tuo pensiero ed aggiungo il mio...sempre cerco il buone nelle persone...ed anche io utilizzo solo il buono che è in me per interagire seppur virtualmente con il mio prossimo..mi piace recare gioia dove faccio visita e mi piace riflettere leggendo alcuni post...come questo tuo..ti seguo da oggi con piacere...un raggio di Sole per un sereno giorno in armonia ed emozione..
    dandelìon

    RispondiElimina
  13. Mah..io uso internet da 2 anni circa e prima di allora avevo fortissimi pregiudizi. Credevo che fosse tutto falso,che le persone utilizzassero la rete per inventarsi nuovamente, il che forse non è del tutto da criticare..Se ciò avviene significa che forse non ci si piaciamo abbastanza e cerchiamo una nuova identità..Ma poi ho scoperto che le persone che ho incontrato sono come me, normali persone che vogliono semplicemente scambiare opinioni, esperienze..grazie a internet ho potuto allargare la mia rete di conoscenze e alcune conoscenze sono diventate amicizie speciali e molto forti.. é un'opportunità in più per le persone che non hanno la possibilità di muoversi dalla loro casa. Insomma..la mia opinione su internet si è completamente rovesciata..capita di cambiare idea nella vita..meno male!

    RispondiElimina

Sono fortemente amareggiata, ho dovuto mettere la moderazione ai commenti, dopo 10 anni di rispetto, e condivisioni pulite.
Ho riflettuto, considerando che non posso e non è giusto mutare i miei comportamenti per quelli altrui, che non condivido, e nel rispetto dei tanti che stimo e rispetto e che non meritano alcuna selezione o verifica, ho deciso di rendere liberi i commenti.