Più si apprezza la vita e più si restituisce

10 ago 2017

SOPRA TUTTO IL BLU

Foto Strega dalla Terrazza si Panicastro
Da quando sono arrivata il richiamo è la sdraio in terrazza.
Lo sguardo verso il buio infinito  e brillante, mentre rumori lontani, voci e musica dalla costa giungono felpati alla collina, e rombano i tornanti che consentono inebrianti pieghe a quel centauro che corre verso la Madonna Nera.
Musica è il suono di quel motore, sentito dal promontorio che vide greci e romani e legge "Vento a Tindari" del nobel che tanto amò questo luogo.
Ritorna il medesimo stato d'animo di quando ragazza con l'immenso negli occhi e l'orizzonte a 360 gradi di mare blu, il mio "faro" assegnava i turni di guardia, non basta il pilota automatico in mare" mai allentare la tensione, per quell'imponderabile che la ragione non prevede".
Allora come ora nascevano le grandi domande, quelle vere, quelle che non hanno risposte.
Da sere, spente le luci, attendo le stelle cadenti... " l'attimo" di desiderio, di utopia, di sogno ma la mia mente è lenta e l'occhio è cieco.... non mi è dato più esprimere un desiderio.
I pensieri sorgono naturali e spontanei l'immenzo sovrasta ti senti piccola non sai perchè sei qui, da dove vieni pensi all'inizio delle cose, al Bosone di Higgins, ai meccanismi del cervello ancora tanto sconosciuti.... al perchè del pensiero.... ma come è nato?
INCIPIT..la nobile parola latina che segna l'esordio.
Lo scriba  medievale segna l'inizio con una maiuscola miniata, inserisce bestie araldiche, draghi alati, cantori e profeti e l'iniziale evoca la priorità. è il simbolo dello squillo di tromba.
Platone proclama fra tutte le cose naturali e umane "l'origine è la più eccelsa".
Non riesco a scrivere quante cose veloci attraversano la mente, il pensiero vola e la cronologia del tempo ed il contratto con esso determinano le mie sensazioni.
Cosa c'era prima dell'incipit? 
Un pittore ha mai creato un nuovo colore?
L'invenzione ... l'invenzone è altra osa.
la creazione è un elemento cardinale nella teologia, nella filosofia, nella nosra percezione dell'arte, della musica, della letteratura....
Impossible scrivere su anelli di pensieri  che formano catene infinite, e momenti storici e domande..
perchè le lingue indoeuropee permettono, anzi suscitano la frase" Dio creò l'universo" ? mentre sono refrattarie a "Dio inventò l'universo"?
Non si è scavato in questo gioco di sovrapposizione e differenziazione fra creazione ed invenzione.
Cosa dà vita alla vita? l'inizio della storia , delle storie, è anche la storia dell'inizio....
Può darsi che le arti, la teologia e la filosofia siano un tentativo di rispondere a questa domanda...
Smetto... arriva Hegel, gli illuministi... le epopee e Pindaro..e Freud che mi sussurra forse l'arte è l'incapacità di vedere il mondo così come è, un rifiuto infantile  del "principio della realtà".... e nessuna forma artistica nasce dal niente. Viene sempre DOPO.
E la musica? si, il problema è la musica..essa non somiglia a nulla, escludendo i livelli rudimentali di imitazione e rappresentazione di toni, essa, rifiuta la similitudine... e Levi Strauss dice che se si tratta di melodia essa è il mistero supremo nelle scienze dell'uomo...
Qualche stella è caduta, io mi sono persa... e dire che avevo cominciato col pensare al secolo passato, un secolo omicida che ci ha lasciato incomunicabilità ed incomprensioni...
Ora è l 'alba che accompagna i miei perchè, con interrogativi enormi su chi sono perchè ci sono e tutti insieme dove andiamo..... daremo un fine o una fine ad un incipit che non conosciamo ?

Scritto dopo aver trascorso la notte di san Lorenzo in terrazzo il giorno dopo il post precedente.

29 commenti:

  1. Che veduta incantevole e rilassante....posso lasciarmi cullare anch'io?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon giorno Simona....certo ce puoi, sei la benvenuta...
      Un sorriso

      Elimina
  2. Cara Gingi, bentornata ... e già pronta la mente a immensi pensieri, senza tregua, a svelare il mistero della vita!
    Ti domandi se un pittore ha mai scoperto un colore ... e rifacendomi al tuo titolo del post, ti linko questo ... http://senzadedica.blogspot.it/2012/08/yves-klein-tutte-le-sfumature-del-blu_5.html
    credo ti farà piacere leggerlo.
    Un bacione, Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahah non sono ancora a casa...ma nel luogo dove ho trascorso gran parte della mia vita.
      Oggi toccata e fuga a casa, per pagamenti bollette e varie... manco da quasi 2 mesi... ma nel pomeriggio vado via ....
      Grazie del link... bello interessante visto ora...con il cell e il piccolo pc da dove sono è una impresa collegarsi.
      Un sorriso

      Elimina
  3. Gingi cara, quante domande.... impossibile rispondere, giustissimo porsele.
    Anche io in queste sere mi sono persa nella contemplazione delle stelle.
    Ma non per cercare di esaudire desideri reconditi, quasi mi disturba l'attesa della scia infuocata nel cielo. Ho troppe cose nella testa.
    Si pensa, si riflette, ci si arrovella....
    Buon proseguimento d'estate
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Susanna... queste sono state sere lunghe, calde, con un cielo stellato che non vedevo da tanto...senza inquinamenti,,,,
      stasera ritorno alla mia postazione... mi faccio cullare dai pensieri con un lavoretto in mano... o un libro che leggo a tratti... lasciando che i pensieri che suscita mi accompagnino...
      Un sorriso
      Gingi

      Elimina
  4. Eh, quanti pensieri sotto le stelle.
    E' bello e luminoso il cielo d'estate e davvero sedersi in terrazza è un momento impagabile tutto per sé in questa stagione.
    Un bacione cara amica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dear cara, per un mare di cose difficili da spiegare non mi posso collegare bene... ho voglia di leggerti al rientro la mia visita sarà in full immersion nel tuo spazio...
      Un abbraccione.
      Ops non trovo più il tuo numero ti racconterò i "deliri" dei miei tel. ...comunque era solo per salutarti, fra una coincidenza e l'altra dalla tua ZENA

      Elimina
  5. Quando ti leggo,immagino!Non mi stancherò mai di dirti come scrivi bene!In effetti i tuoi pensieri prima o poi ricorrono,specialmente in momenti di tranquillità guardando il cielo!ma penso che il mistero della vita è proprio questo,non avremo mai la certezza assoluta!Forse lo sapremo in un'altra entità!Comunque il tuo terrazzo,la veduta della tua terra sono una meraviglia della natura.....goditele tutte,buone serate sotto le stelle....magiche?Bacioni,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosetta grazie... si i pensieri sono tanti ed io sto attenta a seguire meccanismi della mente che evitino il cadere in spirali che portano a ricordi dolorosi...
      Vado di fretta, spero di collegarmi...
      un bacione
      Gingi

      Elimina
  6. Sì che i luoghi aiutano, ma é soprattutto la tua forte personalità a dettarti, credo, queste affascinanti riflessioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriano ti confesso che mi sento molto fragile e non forte, e spesso nei rapporti inadeguata ... la mia vita è stata piena di esperienze lavorative, formano l'informazione, ma non il carattere o la cultura, la mia strada è stata interrotta a 23 anni e da poco ho ripreso il cammino della formazione....
      Comunque ti ringrazio sempre, mi dai una buona medicina...
      Un sorriso
      Gingi

      Elimina
  7. Complice 'sopratutto il blu' ma anche l'ora e la bellezza di questi luoghi del mito,la mente vola,bene alimentata da ricordi e conoscenza...
    Mi ha fatto piacere leggere anche questo tuo post,prima di lasciare per qualche giorno,è un modo per dirti ciao,e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chicchina, riposati, oggi sono a casa ma sto tornando in campagna.... questa estate vista dal di fuori può sembrare lunga e bella, ma un dolore grande mi cova dentro.... quanti rami risentono del calore, dell'aridità....
      Non sono venuta e non vengo a Catania, e non sto a casa... dove le assenze sono troppo presenti...
      Vado scappo in quel posto magico...
      Un bacione

      Elimina
  8. Ciao, un saluto veloce per auguratri buona domenica, a presto, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te una settimana serena e speriamo propedeuta al fresco.
      Un sorriso

      Elimina
  9. Non mi soffermo a leggere perchè vista l'ora ed il sonno capirei poco però con piacere ammiro sempre la vista che ti offre la tua terrazza...meravigliosa.
    Serena domenica.
    Debora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora ti ho pensato un bacione grande
      a presto
      Gingi

      Elimina
  10. Veramente questa terrazza fa venire voglia di sdraiarsi e restare a contemplare il paesaggio. Il libro di Salvatore Quasimodo può anche restare chiuso per un momento preferendo abbandonarsi ai propri pensieri.Ciao Gingi ed a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salendo verso il teatro e l'antico ginnasium.... imbocchi una strada che guarda il panoramea della foto di apertura del blog e inizia con un monumento a Quasimodo dove vi è rascritta la poesia "Vento a Tindari".
      Un sorriso

      Elimina
  11. Se mi fai posto...poggio i piedi io pure....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti aspetto ho fatto posto e c'è tanto largo anche per una tua compagnia...
      Gingi

      Elimina
  12. quanto è bello l'ozio dei nobili, un nobile non lo può capire ... ma io si quello lo capisco benissimo.
    Stamattina per esempio, mentre ero di guardia (con la badante in ferie mi sono saltati tutti i turni), mentre ero lì concentrato a vedermi un film su Rai Movie, pensavo anch'io al bosone di Higgs. Ma qui siamo come in mare, o come in cielo ... mai fidarsi del pilota automatico e quell'accidente di mio padre mi aveva fregato un'altra volta.
    Quello di Higgs non lo conosco personalmente, ma quello di mio padre lo vedo più volte al giorno e delle volte mi chiedo se quello che ne è relativo sia parte della particella di Dio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è bello poichè essi da secoli sono stati abituati a gestire la noia...con quell'otium di oraziana memoria che programma progetta, e immobile organizza per se e per gli altri.
      La nascita è un caso e nessuno può incolpare altri di essere diversi o di esistere, questo porta ad orribili ricordi.
      Comunque senza rabbia ed acredine concordo con te, che pur avendo nulla rispetto a te ed alle tue possibilità, sono ricca di natali in una terra generosa e ospitale, ricca di una grande famiglia e di molti amci, che mi consentono nonostante le mie tragedie a on essere incattivita e ad avere tanta comprensione verso chi sconosce sensibilita ed eleganza comportamentale.
      Ho avuto una incomprensione in rete, ma chapeaux all'educazione ed alla cultura di chi ha reagito a tali incomprensioni.
      Perchè Mariolino tanto sarcasmo e sfotto gratis?

      Elimina
  13. Mi sono persa tra i tuoi pensieri e in quello splendido panorama.

    RispondiElimina
  14. Cara Gingi, pure questo post mi era sfuggito a quei tempi, un caro saluto.
    Ciao e buon pomeriggio, anche se sta piovendo con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  15. Io non c'ero proprio a quei tempi (come blogger..) ma quella terrazza è meravigliosa... e lo sarà anche ora.. poco prima che le stelle s'intreccino lì ad un passo...

    RispondiElimina
  16. Sono stata in quei posti per tanti anni, ma il lavoro, gli showroom a Catania e Milano, la mia produzione in Veneto, e tanto altro mi rendevano cieca al vero bello della vita, ti sembrerà un paradosso, ma io i miei luoghi dell'anima, li ho visti solo da quando sono rimasta sola. Li adesso non c'è nessuno,solo gli operai per il terreno, ma è un gioiello come se fosse sempre abitata. Oggi dicevo a chi sta on paese, che mi muoverò quando il tempo me lo permetterà.

    RispondiElimina